martedì , 29 Settembre 2020

Espugna il Pala Tifo l'Andrea Pasca Nardò‏

CASTELLANETA- Grande prova di carattere dell’Andrea Pasca Nardò, che nella prima gara del girone di ritorno, viola la legge del Pala Tifo dove altre big come Cerignola e Ceglie sono uscite a mani vuote.

 

VALENTINO CASTELLANETA 72
Acito L.8,Acito A.12,Girardi9,
Perrone8,De Santis11,Mansueto16,
Picaro Marco8,Petrella n.e.,Rotolo n.e.,Picaro Mattia n.e.
Allenatore: Guarini Paolo

NUOVA PALLACANESTRO NARDO’ 82
Colella13,Manca9,Dell’Anna 12,
Bruno,Ferilli1,Bjelic34,
Pagliula,Iacomelli n.e.,Schito n.e.,Spada13.
Allenatore: Manfreda Stefano

ARBITRI: Marseglia (Mesagne), Bartolomeo (Cellino)
PARZIALI: 17-23/41-47/55-68/72-82
USCITI PER 5 FALLI: Manca (N.P.Nardò)

CASTELLANETA- Grande prova di carattere dell’Andrea Pasca Nardò, che nella prima gara del girone di ritorno, viola la legge del Pala Tifo dove altre big come Cerignola e Ceglie sono uscite a mani vuote. I neretini privi degli infortunati Fabrizio Durante, Michele Dell’Anna, ma con il rientro di Simone Bruno, ottengono altri due punti preziosi al cospetto di un combattivo Castellaneta, che ad 1’50 dalla sirena finale era ad un passo per completare la rimonta, passando dal -13 di metà quarto al -3. Fondamentale, in quel frangente di partita, la tripla di Riccardo Spada “spezzando” le gambe ai locali, al quale porgiamo i complimenti per la gara offerta oggi e per il positivo campionato sin qui svolto. Nardò brinda così all’undicesimo successo consecutivo. Seconda convocazione in C2 per la guardia Cosimo Iacomelli classe ’97, prodotto del settore giovanile neretino che lunedì 21 risponderà alla chiamata di coach Antonio Bocchino nell’ambito della giornata azzurra fissata a Lecce.
La gara, le due squadre si presentano al via con i rispettivi quintetti: Acito L., Girardi, Perrone, De Santis e Mansueto, di contro risponde Nardò con: Colella, Spada, Manca, Bjelic e Dell’Anna. Avvio di partita equilibrato. Mansueto e Perrone esaltano la bolgia del Pala Tifo, al quale Nardò non si scompone e risponde con uno straripante Goran Bjelic che inizia il suo show personale. I locali rispondono colpo su colpo ai granata con Girardi che tiene in partita i suoi. Ma prima Alessandro Manca e successivamente Michele Colella firmano il +6 Nardò a fine frazione: 17-23.
Secondo quarto, coach Manfreda si gioca la carte Davide Ferilli e Simone Bruno quest’ultimo al rientro dopo due mesi di stop. Partita entusiasmante, con il risultato del secondo parziale che recita 24-24. Dopo un buon avvio di quarto del Castellaneta, gli ospiti puniscono con le armi Bjelic, che chiude il secondo quarto a quota 22 punti e capitan Dell’Anna, mentre è imprendibile il pirata Colella, che raggiunge la doppia-doppia (13 punti e 10 assist). Alessio Acito porta i suoi sul -3, ma su finire di frazione ancora una volta, Manca manda in orbita la panchina granata dai 6.75 m. Si và al riposo lungo sul 41-47 Nardò.
Ripresa, coach Manfreda rientra con il quintetto di partenza: Colella, Spada, Manca, Bjelic e Dell’Anna. Nardò attacca in maniera ordinata la difesa a zona schierata da coach Guarini, prendendo il largo. Bjelic continua ad essere il mattatore sotto le plance e Riccardo Spada fa 2/2 dai 6.75 m, con i padroni di casa che sembrano alzare bandiera bianca. +13 Nardò: 55-68.
Ultimo quarto, Colella, Spada, Bruno, Manca e Bjelic rientrano in campo per i granata. Nardò non abbassa il ritmo e l’asse Colella-Bjelic diventa imprendibile per la difesa locale. Partita chiusa? Neanche per scherzo. Dal 35′ in poi, ultimi 5 minuti di gara vissuti al cardiopalma. Nardò avanti di 13 lunghezze, cade nel tranello della zona-press ordinata da coach Guarini. Mansueto porta i suoi sul -3 ad 1’50 dal termine 72-75 e time-out Nardò e il Pala Tifo è una vera e propria bolgia. Rientra Colella, gravato di falli, pronti-via e questa volta è Spada a togliere le castagne dal fuoco per gli ospiti. Centro dalla lunga distanza fondamentale per l’inerzia di gara. Nardò ritorna ad aver in mano match e punteggio e vola sul +6. Esce Alessandro Manca per 5 falli. Negli ultimi istanti di partita gli uomini di Manfreda gestistono grazie anche al bonus di falli locale con il solito Colella che mette a referto altri 3 punti e successivamente con l’1/2 ai liberi di Davide Ferilli.
Si chiude sul 72-82 per l’Andrea Pasca Nardò, che viola così la legge del Pala Tifo, proseguendo il cammino in classifica a braccetto con il Ceglie in vetta alla classifica. Altri due punti e da martedì si volta pagina, quando si inizierà a pensare al ritorno tra le mura amiche, dove il team del presidente Carlo Durante riceverà la visita della Cestistica Bari.

 
CLASSIFICA DOPO LA 16^GIORNATA:
CEGLIE 28
ANDREA PASCA NARDO’ 28
RUVO 24
CERIGNOLA 24
ADRIA BARI 22
CASTELLANETA 20
TERLIZZI 16
SANTERAMO 16
EAGLES BRINDISI 14
FASANO 14
NEW BASKET LECCE 14
INVICTA BRINDISI 12
CASTELLANA 12
TRANI 6
CESTISTICA BARI 4
ASSI BRINDISI 2

About redazione

Guarda anche

La gioventù non bruciata. Proviamo a capirne di più

Nuovo appuntamento con la rassegna letteraria “A Franco sarebbe piaciuto”. Domani 3 agosto ore 20.00, …