martedì , 20 Aprile 2021

"Non bastano le delibere. Andiamo a Lecce a riprenderci il Tribunale!”

Caro Marcello, occorre far presto! Per salvare il Tribunale occorre uno sforzo unanime, senza barriere ideologiche e appartenenza alcuna. Andiamo a Lecce insieme a riprenderci il nostro Tribunale!

Riconosco all’Amministrazione di aver dato la piena disponibilità ad accollarsi le spese per la gestione e la manutenzione della struttura di via Falcone e Borsellino. Nel mese di novembre, anche su nostra sollecitazione, infatti, il sindaco e la sua giunta approvarono due delibere, la nr. 357 del 12 novembre e la nr. 372 del 29 novembre. Due atti con cui il Comune di Nardò manifestava l’intento di accollarsi le spese per il “funzionamento e il personale”. Ebbene, queste due delibere, una riguardante il Giudice di Pace e l’altra il Tribunale, sono state trasmesse al vecchio e al nuovo presidente del Tribunale leccese, ma non basta e non è questo lo snodo centrale!

 

Sono pronto ad accompagnarti a Lecce, magari in compagnia del Delegato OUA, l’avv. Giuseppe Bonsegna, per discutere della sorte del nostro nuovissimo tribunale, con il presidente del Tribunale di Lecce, il dott. Benfatto. Da Lui dipende il destino del nostro tribunale. Ben vengano le delibere di giunta ma ora bisogna aprire i canali della “diplomazia” e quelli delle pubbliche relazioni e sappiamo che, almeno in questo, sei maestro, caro Marcello. Una lettera del presidente indirizzata al Ministero, sul modello di quanto successo per Maglie, con cui vengono illustrate le difficoltà logistiche a cui si andrebbe incontro, potrebbe salvare il nostro Tribunale per i prossimi 5 anni. 

 

Sulla struttura neretina tanto denaro pubblico è stato investito negli ultimi decenni. Motivo in più per non consentire la riapertura del Gran Hotel Pretura!

 

Pippi Mellone

Consigliere comunale

Comunità Militante

Andare Oltre

 

 

 

 

About redazione

Guarda anche

Un malore improvviso e poi il decesso. Succede ora a Santa Maria al bagno

Accusa un malore mentre è in spiaggia a fare il bagno e, nonostante le manovre …