martedì , 20 Aprile 2021

Flavio Maglio bacchetta Siciliano e Frasca .

Che i consiglieri provinciali Mino Frasca e Giovanni Siciliano possano rilasciare dichiarazioni, osservazioni, giudizi critici, è un loro diritto, ma non gli è consentito di offendere l’Amministrazione Comunale né i suoi rappresentanti che operano con la massima serietà e trasparenza.

Non credo, tuttavia ,che abbiano titolo per poter dare lezione a nessuno di “buon gusto” e di “onestà intellettuale” non avendo dato prova di possedere questi requisiti se si considerano soprattutto i loro trascorsi politici.

 

Che i consiglieri provinciali Mino Frasca e Giovanni Siciliano possano rilasciare dichiarazioni, osservazioni, giudizi critici, è un loro diritto, ma non gli è consentito di offendere l’Amministrazione Comunale né i suoi rappresentanti che operano con la massima serietà e trasparenza.

Non credo, tuttavia ,che abbiano titolo per poter dare lezione a nessuno di “buon gusto” e di “onestà intellettuale” non avendo dato prova di possedere questi requisiti se si considerano soprattutto i loro trascorsi politici.

Diversamente da loro, non vado alla ricerca di notorietà, né ho mai cercato di “attribuirmi meriti”, piuttosto in me c’è la sola preoccupazione di assolvere al meglio il mandato conferitomi dal Sindaco, convinto come sono che chi è chiamato a rappresentare le Istituzioni deve rendere un servizio nel l’esclusivo interesse della comunità.

Le dichiarazioni da me rese alla stampa con le quali ho comunicato all’opinione pubblica neretina che la discarica di “Castellino” sarà chiusa con o senza le eco-balle, quale impegno dell’Amministrazione Comunale, non volevano sminuire il lavoro svolto anche dai consiglieri provinciali Frasca e Siciliano, trattandosi di un risultato che è stato possibile conseguire grazie al concorso di tutte le Istituzioni locali, provinciali e regionali.

In qualità di assessore all’ambiente ho il diritto-dovere a partecipare ai vari organismi preposti a trattare il problema e riferire i relativi risultati e non mi sono lamentato se per “dimenticanza” qualcuno non ha avuto il “buon gusto” di invitarmi a qualche riunione provinciale.

Più che fare polemica alla ricerca di individuare ritardi,responsabilità per la tardiva soluzione del problema, mi piacerebbe sapere dove è stato in tutto questo tempo  il cons. Siciliano, quale maggioranza amministrativa ha sostenuto e sostiene e in quale maggioranza regionale si è identificato.

Che poi tutti possiamo essere folgorati sulla via di Damasco è un fattore che appartiene alla storia dell’uomo, il quale è chiamato quantunque a fare ammenda dei suoi “peccati”.

La salute dei cittadini, come la salubrità dell’ambiente nel quale i nostri figli e le future generazioni devono vivere, non hanno colore politico né la loro difesa può essere ascritta a meriti miei né di nessuno, essendo questi beni sui quali deve esserci l’impegno di tutti.

Tutto questo non mi può impedire di ripetere quanto ho già detto a nome dell’Amministrazione Comunale:”Assicuriamo che mai è poi mai ci sogneremmo di barattare la salute dei cittadini per risparmiare denaro”.

 

 

Flavio Maglio

Assessore all’Ambiente Comune di Nardò

 

About redazione

Guarda anche

Un malore improvviso e poi il decesso. Succede ora a Santa Maria al bagno

Accusa un malore mentre è in spiaggia a fare il bagno e, nonostante le manovre …