martedì , 20 Aprile 2021

Perchè questo ritardo nel PCC?

Con Del.G.C. 89 del 28/03/2012 veniva affidato al Dott. Vitale Andrea, Ing. Antonio Vaglio e dott. Sergio Fai l’incarico come consulenti esterni a supporto dell’Ufficio Demanio nella redazione del PCC. I consulenti da giugno a novembre hanno lavorato in stretto contatto con l’Ufficio Demanio attraverso incontri settimanali e sopralluoghi congiunti.

 

Con Del.G.C. 89 del 28/03/2012 veniva affidato al Dott. Vitale Andrea, Ing. Antonio Vaglio e dott. Sergio Fai l’incarico come consulenti esterni a supporto dell’Ufficio Demanio nella redazione del PCC. I consulenti da giugno a novembre hanno lavorato in stretto contatto con l’Ufficio Demanio attraverso incontri settimanali e sopralluoghi congiunti. Durante la stesura del PCC si sono presentate alcune problematiche da affrontare, in particolare i rapporti con il Vincolo geomorfologico ed idrogeologico del PAI, e per le quali i consulenti esterni hanno prestato la massima collaborazione e supporto tecnico. Il Piano Comunale delle Coste, come indicato dalla Regione Puglia nelle ISTRUZIONI TECNICHE PER LA REDAZIONE DEL PIANO COMUNALE DELLE COSTE Ai sensi della D.G.R. 2273 del 13 ottobre 2011  si compone dei seguenti file:

Elaborati grafici di analisi

A.1. Ricognizione fisico – giuridica del Demanio marittimo (Art. 4 NTA PRC)

A.1.1 Suddivisione della costa in Unità e Sub-unità Fisiografiche

(UNITA_FISIOGRAFICHE.SHP)

A.1.2 Classificazione normativa (CLASSIFICAZIONE_NORMATIVA.SHP)

A.1.3 Zonizzazione della fascia demaniale marittima (ZONE_COMPETENZE.SHP)

A.1.4 Individuazione delle aree sottoposte a vincolo idrogeologico (Piano di Assetto

Idrogeologico) (Servizio WMS)

A.1.5 Individuazione delle aree naturali protette e dei vincoli ambientali

(VINCOLI_AMBIENTALI.SHP)

A.1.6 Individuazione delle aree sottoposte a vincoli territoriali

(VINCOLI_TERRITORIALI.SHP)

A.1.7 Classificazione del litorale, rispetto ai caratteri morfolitologici

(MORFOLITOLOGIA.SHP)

A.1.8 Caratterizzazione dei cordoni dunari (DUNE.SHP)

A.1.9 Individuazione delle opere di difesa e porti (OPERE_DIFESA.SHP)

A.1.10 Rappresentazione dello stato giuridico della fascia demaniale marittima di cui

al punto A.1.3 lettera f. (DEMANIO.SHP)

A.1.11 Individuazione delle opere di urbanizzazione, delle strutture fisse e delle

recinzioni esistenti (STRUTTURE_PERTINENZE.SHP)

A.1.12 Individuazione dei sistemi di accesso e di parcheggio esistenti

(VIABILITA_ACCESSI.SHP)

Elaborati di progetto

 

B.1. Zonizzazione del Demanio

B.1.1. Classificazione della costa, rispetto alla individuazione della “linea di costa

utile” (COSTA_UTILE.SHP)

B.1.2. Individuazione delle aree con divieto assoluto di concessione

(AREE_RISPETTO.SHP)

B.1.3. Individuazione delle aree di interesse turistico-ricreativo (SPIAGGE.SHP)

B.1.4. Individuazione dei percorsi di connessione (CONNESSIONI.SHP)

B.1.5. Individuazione delle aree con finalità turistico-ricreative diverse da SB e SLS

(RICREATIVE_DIVERSE.SHP)

B.1.6. Individuazione delle aree con finalità diverse (AREE_DIVERSE.SHP)

B.1.7. Individuazione delle aree vincolate (AREE_VINCOLAT
E.SHP)

B.1.8. Sistema delle infrastrutture pubbliche (INFRASTRUTTURE_PUBBLICHE.SHP)

B.2. Interventi di recupero costiero (RECUPERO_COSTIERO.SHP)

B.3. Elaborati esplicativi del regime transitorio

B.3.1. Individuazione delle aree tipizzate a stabilimenti balneari da destinare in modo

prioritario alla variazione o traslazione degli eventuali titoli concessori non

rinnovabili (TRANSITORIO_CONCESSIONI.SHP)

B.3.2. Individuazione delle opere di difficile rimozione da adeguare o trasformare in

opere di facile rimozione (TRANSITORIO_OPERE.SHP)

B.3.3. Individuazione delle recinzioni da rimuovere (TRANSITORIO_RECINZIONI.SHP)

B.4. Valenza turistica (VALENZA_TURISTICA.SHP)

Relazione Tecnica Generale

Rapporto Ambientale Preliminare

Norme Tecniche di Attuazione

 

Nel Piano di Lavoro proposto dal Comune di Nardò e sottoscritto dai consulenti è riportata la ripartizione delle competenze tra i consulenti:

–        il dott. Andrea Vitale si occuperà della:

  • suddivisione della costa in Unità e Sub-unità fisiografiche;
  • individuazione delle aree sottoposte a vincolo idrogeologico;
  • classificazione del litorale, rispetto ai caratteri morfolitologici;
  • caratterizzazione dei cordoni dunali;

–        l’ing. Antonio Vaglio si occuperà della:

  • zonizzazione della fascia demaniale marittima;
  • individuazione delle aree sottoposte a vincoli territoriali;
  • individuazione delle opere di difesa e porti;
  • rappresentazione dello stato giuridico della fascia demaniale marittima;
  • individuazione delle opere di urbanizzazione, delle strutture fisse e delle recinzioni esistenti;
  • individuazione dei sistemi di accesso e di parcheggio esistenti;

–        il dott. Sergio Fai si occuperà della:

  • individuazione delle aree naturali protette e dei vincoli ambientali;
  • caratterizzazione dei cordoni dunali;
  • redazione della documentazione tecnica per la VAS.

Con nota del 12/11/2012, i consulenti hanno consegnato la seguente documentazione (in anticipo rispetto alla fissata scadenza prevista per il 06 dicembre 2012):

I consulenti hanno avuto il primo riscontro della suddetta nota, da parte dell’ufficio, nei primi giorni di Gennaio, momento in cui si è proceduto all’organizzazione del primo incontro con il pubblico del 30 gennaio 2013. A seguito di successivi incontri con l’ufficio demanio, i consulenti hanno provveduto ad implementare la documentazione depositata il 12 novembre .

Ad oggi non e’ dato sapere quali reali  intenzioni abbia l’ufficio Demanio del Comune di Nardo’ a far si che l’atteso Piano Comunale delle Coste abbia la completa definizione e fruizione da parte dei cittadini e da molti imprenditori, che puntano e vogliono scommettere sull’impresa balneare come occasione di lavoro ma, anche possibilita’ di poter fruire delle nostre coste in maniera agevole e sicura non avendo tratti sabbiosi a disposizione.

  E’ del tutto evidente che i Professionisti abbiano espletato il loro incarico con la massima diligenza e professionalita’ dichiarandosi ulteriormente disponibili a sopperire evidenti ed annose lacune che caratterizzano i nostri uffici tecnici……   la domanda che mi faccio interpretando il pensiero dei nostri concittadini è: perche’ quando un privato viene chiamato a svolgere un incarico lo fa con correttezza e rispettando i tempi di consegna  (con qualche funzionario di turno si mette anche ad ostacolare il pagamento delle misere spettanze pattuite) e quando invece sono i nostri Uffici a dover rispettare i tempi e la consegna dei lavori latitano????

Suggerisco  al Si
ndaco Risi ed agli Assessori di riferimento di chiedere al Dirigente dell’ufficio in questione una dettagliata relazione dell’iter burocratico per meglio comprendere questo inaccettabile ritardo che di fatto ha annullato le aspettative riposte nella imminente stagione turistica da parte dei Cittadini e dagli Imprenditori del Turismo……… se qualcuno sonnecchia è il caso di mettergli una sveglia.

Sergio Vaglio (capogruppo IO SUD – Nardo’ Insieme)

 

 

 

 

 

 

 

About redazione

Guarda anche

Un malore improvviso e poi il decesso. Succede ora a Santa Maria al bagno

Accusa un malore mentre è in spiaggia a fare il bagno e, nonostante le manovre …