mercoledì , 21 Aprile 2021

LOTTA STUDENTESCA movimento giovanile di FORZA NUOVA sul 25 aprile

Quest’anno anche noi di Lotta Studentesca abbiamo deciso di partecipare alle retoriche celebrazioni del 25 aprile.

Mai come oggi, 25 aprile 2013, sono sotto gli occhi di tutti i disastri di quel contenitore vuoto chiamato democrazia antifascista nata proprio quel 25/04.

Contenitore vuoto,nato per nascondere quel liberal capitalismo sfrenato che sta portando alla disperazione migliaia di italiani, col triste primato di due suicidi al giorno, con la chiusura di migliaia di imprese, con la disoccupazione alle stelle,inquinamento, e più in generale ad un decadimento politico e morale mai visto prima.

 

Quest’anno anche noi di Lotta Studentesca abbiamo deciso di partecipare alle retoriche celebrazioni del 25 aprile.

Mai come oggi, 25 aprile 2013, sono sotto gli occhi di tutti i disastri di quel contenitore vuoto chiamato democrazia antifascista nata proprio quel 25/04.

Contenitore vuoto,nato per nascondere quel liberal capitalismo sfrenato che sta portando alla disperazione migliaia di italiani, col triste primato di due suicidi al giorno, con la chiusura di migliaia di imprese, con la disoccupazione alle stelle,inquinamento, e più in generale ad un decadimento politico e morale mai visto prima.

 

Cosa vogliamo ricordare di quel 25 aprile?

-Ci sarebbe tanto da elencare,l’antifascismo ha permesso,ad esempio,alla mafia di rimettere piede in Italia. Come non ricordare che per organizzare gli sbarchi in Italia nel 1943, l’amministrazione Roosevelt si rivolse al padrino mafioso Lucky Luciano che nel 1946 fu liberato dal carcere dove stava scontando una pena di 30 anni ed espulso in Sicilia dove, con il sostegno attivo dell’ Amgot (i servizi segreti prima della Cia) rigenerò la mafia che era stata decimata da Mussolini?

Luciano aprì alla Sicilia la via della droga.Fu il Crimine Organizzato uno dei principali vincitori di quella guerra,antifascista anche lui,ovvio. Dal 1945 in poi, inesorabilmente, siamo andati assistendo all’articolazione di un sistema mafioso che fonda la sua ricchezza sulla combinazione di petrolio-armi-droga e traffico di uomini. Un sistema che sfrutta, affama, distrugge, stermina e che si trova ben garantito nei suoi assi portanti (Banca Mondiale, Fondo Monetario Internazionale, Organizzazione Mondiale del Commercio, potenza militare americana, potenza satellitare angloamericana, banche e multinazionali).(cit. Adinolfi)

Tanto per citare un certo Falcone”L’unico tentativo serio di lotta alla mafia fu quello del prefetto Mori, durante il Fascismo, mentre dopo,lo Stato ha sminuito, sottovalutato o semplicemente colluso.. Sfidiamo gli antifascisti a negare che la mafia ritornò trionfante in Sicilia ed in Italia al seguito degli “Alleati” e degli antifascisti, in ricompensa dell’aiuto concreto che essa fornì per lo sbarco e la conquista dell’isola…!”   (Giovanni Falcone, a pg. 103 del suo libro Cose di cosa nostra)

 

 

-Come non ricordare poi, che il primo atto politico del CLN fu l’ABROGAZIONE DEL DECRETO LEGGE SULLA SOCIALIZZAZIONE DELLE IMPRESE proprio quel 25 aprile 1945? E questo la dice lunga sui valori dell’antifascismo spalleggiato dalle potenze capitaliste per sconfiggere chi faceva gli interessi del popolo.

 

E’ sotto gli occhi di tutti ormai il fallimento di questo sistema nato quel 25 aprile, che condannò la nostra Italia ad essere una colonia americana suddita dello strapotere dell’usura bancaria che con la piaga del debito pubblico ci sta rendendo schiavi.

 

Sistema che decise di far fuori chi voleva una Italia libera e indipendente che ebbe successi in tutti i campi, che 70 anni di antifascismo possono solo sognare.

 

Già conosciamo il piagnisteo che ci toccherà sentire quando i signori che sguazzano in paroloni come libertà,uguaglianza e democrazia e di tanta altra retorica, leggeranno questo nostro pensiero.

Già immaginiamo i comunicati roboanti che ci accuseranno di violenza,razzismo,intolleranza. Conosciamo bene ormai il gioco di questi,inconsapevoli o meno, servi di un potere che gli sta crollando sotto ai piedi. Sempre pronti a sbandierare questi paroloni e sempre buoni ad applicarli verso chi,come noi, non si allinea al pensiero unico imperante.

Ma non troveranno risposta, se non nella consapevolezza della forza delle nostre idee e nella volontà di creare una gioventù che si batta per la rinascita naz

 

 

 

About redazione

Guarda anche

IL CONSIGLIO HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO

Lupo: “Bilancio assolutamente in salute, ha retto l’urto di un anno complicatissimo” Il Consiglio comunale, …