martedì , 20 Aprile 2021

Nardò Futuro Energia!

Venerdi 3 maggio insieme con il Sindaco con il dirigente del settore Lavori Pubblici Nicola D’Alessandro e con l’autorevole contributo di giovani esperti, parleremo di politiche energetiche, di efficientamento e risparmio energetico di energie rinnovabili di energy management e non solo, in poche parole, tenteremo “l’impresa” di parlare di futuro, nella e della nostra città!.

Venerdi 3 maggio insieme con il Sindaco con il dirigente del settore Lavori Pubblici Nicola D’Alessandro e con l’autorevole contributo di giovani esperti, parleremo di politiche energetiche, di efficientamento e risparmio energetico di energie rinnovabili di energymanagement e non solo, in poche parole, tenteremo “l’impresa” di parlare di futuro, nella e della nostra città!

Guardiamo al futuro, appunto, come “costruendo” avvenire, qualcosa che si costruisce nel presente e si legittima per come lo si costruisce. Futuro per noi è anche e soprattutto partecipazione, condivisione, coinvolgimento. Per coinvolgere serve il progetto, la passione per le cose da realizzare, la voglia di non accontentarsi a giocare in difesa, l’orgoglio dei saperi raccolti e messi a frutto lungo la strada della carriera, il patto relazionale, anche se a volte è fin troppo effervescente, irridente, eccessivo.

C’è una visione ed un progetto che riguarda l’energia della nostra città e quindi della capacità della stessa di proporsi alle generazioni future, per questo speriamo di discuterne venerdi in modo aperto, trasparente, alla luce del sole, con grande energia, appunto.

Cercheremo di riscoprire il gusto per “l’impresa”: quella che sollecita la fantasia e muove i sentimenti; audace e forse temeraria, come lo sanno essere le imprese giovanili, che l’avvenire lo sfidano e non lo subiscono. Per questo chiederemo a giovani professionisti di raccontarci cos’è l’Energia nel tempo presente e in quello futuro.

Qui su questi incroci ambivalenti, ricchi di spunti e di rischi, tra il quotidiano da portare a casa senza perdite ed il lungo respiro, la visione, la prospettiva si colloca il ruolo delle moderne istituzioni e della politica.

Correremo il rischio di accarezzare l’utopia di una Nardò migliore efficiente e risparmiosa. E dal momento che l’utopia tocca corde sensibili e rischiose, è bene sottolineare che solo chiedendo molto al futuro, coscienti che poi si dovrà comunque negoziare, è possibile vivere meglio il tempo presente.

Vi aspettiamo!

                                                             Vincenzo Renna

                                                       Assessore LLPP Nardò

 

About redazione

Guarda anche

Un malore improvviso e poi il decesso. Succede ora a Santa Maria al bagno

Accusa un malore mentre è in spiaggia a fare il bagno e, nonostante le manovre …