mercoledì , 21 Aprile 2021

Per Leonardo…

Il primo Maggio ricorre tradizionalmente la festa del lavoro, ma paradossalmente, per Leonardo Pinto caposquadra dei “forestali” di stanza a Portoselvaggio, coincide con il giorno del suo collocamento a riposo.

Quello della pensione e’ un obiettivo che in molti, giustamente, aspettano dopo una vita di lavoro e sacrifici, sarà così anche per Leonardo? Conoscendolo bene, ho molti dubbi.

Infatti, per chi come lui ha dedicato la maggior parte della sua esperienza lavorativa e non solo (visto che lo trovavi nel Parco a tutte le ore anche quando lo obbligavano a prendersi le ferie), a qualcosa che non ha mai rappresentato “qualcosa” ma “qualcuno” di cui prendersi cura, proteggere e a cui affezionarsi, appassionarsi insomma, al “suo” Parco di Portoselvaggio e’ difficile poi staccarsene facilmente.

Ricordo ancora la sua risposta quando gli comunicai che avevamo avanzato la richiesta alla Regione di ampliamento del Parco fino alla Palude del Capitano: “ui siti pacci”. Sicuramente perché, un po’ preoccupato di doversi occupare di un territorio finora “non suo”. Gli risposi: “Leonardo, i bambini crescono…”. Contro replica non pubblicabile!

Inutile dire che anche la Palude del Capitano fu “adottata” dai lui e dai suoi uomini.

Solo chi come me ha avuto la fortuna di stargli accanto (e sentirlo sempre brontolare e lamentarsi) sa che non sto facendo un discorso retorico o di circostanza, ma descrivendo semplicemente l’amore di un uomo per un Parco.

Tranquillo Leonardo, Portoselvaggio non si scorderà di te. Del resto come può un “figlio” scordarsi di un “padre” che gli ha voluto bene?

 

Con affetto, Mino

 

 

 

About redazione

Guarda anche

Un malore improvviso e poi il decesso. Succede ora a Santa Maria al bagno

Accusa un malore mentre è in spiaggia a fare il bagno e, nonostante le manovre …