sabato , 28 Novembre 2020

Alessandro Piccione pronto al patteggiamento? La Famiglia della Bisanti non ci sta

Non sarebbero ancora notizie ufficiali, ma i familiari e gli amici di Antonella Bisanti frequentatori del bar “Plaza Cafè”, appresa la notizia, non riescono a darsi pace e non accettano che Alessandro Piccione, l’uomo che il pomeriggio di Ognissanti, investì la donna davanti alla sua abitazione in via Don Gregorio Gaballo procurandole lesioni gravi tanto da ridurla in fin di vita, possa saldare il suo debito con la giustizia, patteggiando la pena in soli 3 anni e poi essere di nuovo libero.

 

Non sarebbero ancora notizie ufficiali, ma i familiari e gli amici di Antonella Bisanti frequentatori del bar “Plaza Cafè”, appresa la notizia, non riescono a darsi pace e non accettano che Alessandro Piccione, l’uomo che il pomeriggio di Ognissanti, investì la donna davanti alla sua abitazione in via Don Gregorio Gaballo procurandole lesioni gravi tanto da ridurla in fin di vita, possa saldare il suo debito con la giustizia, patteggiando la pena in soli 3 anni e poi essere di nuovo libero.Ieri pomeriggio, quando la notizia del patteggiamento lo ha raggiunto telefonicamente , il marito di Antonella Bisanti, Massimo Tarantino, si trovava presso l’ospedale di Casarano, dove la moglie sta svolgendo il lungo, difficile e doloroso, percorso di riabilitazione, dopo le fratture al femore e al bacino e le lesioni alla vescica e all’addome causate dall’auto con cui Piccione le passò sul corpo.
Non ha voluto rilasciare dichiarazioni a commento della notizia inattesa, che lo ha lasciato incredulo e sbigottito.
L’amarezza per l’evoluzione del processo è evidente: già nei mesi scorsi l’iniziale accusa di tentato omicidio per Piccione era stata derubricata in “lesioni gravi”. In più il quarantenne da tempo è in regime di libertà.
Ora la notizia del possibile patteggiamento. I familiari di Antonella Bisanti non osano per il momento commentare, preferendo prima consultarsi con il proprio legale di fiducia.
Come si ricorderà, Piccione venne assicurato alla giustizia poche ore dopo l’accaduto nei pressi della sua abitazione sita a Santa Caterina dagli agenti del Commissariato di polizia di Nardò in collaborazione con la Polizia municipale. L’uomo venne posto agli arresti domiciliari mentre per la donna e per i famigliari cominciò un lungo calvario.

About redazione

Guarda anche

Gravissimo incidente domestico

Un gravissimo incidente domestico si è verificato in questi minuti a Nardò, in via San …