martedì , 24 Novembre 2020

CS contro l'abbattimento del Nautico di Gallipoli!

L’Unione Degli Studenti Provincia di Lecce dichiara la sua totale contrarietà all’abbattimento di un edificio scolastico a Gallipoli per farci un parcheggio o un albergo.

Abbattere il “Nautico” di via Gramsci a Gallipoli per sostituirlo con un parcheggio: questa è l’ultima geniale trovata dell’amministrazione provinciale. Ci ritroviamo di fronte all’abbattimento di un edificio dotato di grandi potenzialità che è minacciato dall’interesse economico di questi politici da strapazzo, che hanno intenzione di radere al suolo quella che è una struttura che potrebbe garantire un risparmio alla Provincia stessa e a tutti noi.

L’Unione Degli Studenti Provincia di Lecce dichiara la sua totale contrarietà all’abbattimento di un edificio scolastico a Gallipoli per farci un parcheggio o un albergo.

Abbattere il “Nautico” di via Gramsci a Gallipoli per sostituirlo con un parcheggio: questa è l’ultima geniale trovata dell’amministrazione provinciale. Ci ritroviamo di fronte all’abbattimento di un edificio dotato di grandi potenzialità che è minacciato dall’interesse economico di questi politici da strapazzo, che hanno intenzione di radere al suolo quella che è una struttura che potrebbe garantire un risparmio alla Provincia stessa e a tutti noi.

Infatti, la Provincia vorrebbe costruire un nuovo edificio per il Vespucci, facendo passare questo gesto come un atto benevolo nei confronti di un grande centro quale Gallipoli. Un calcolo puramente economico, ma non sociale: infatti, non si è considerato che l’edificio di cui si parla è situato vicino al mare e garantirebbe ai ragazzi un facile spostamento per sostenere le prove in acqua che richiede ogni istituto Nautico; così come non si è affatto considerata la presenza nell’attuale edificio di un teatro e di un planetario oltre che di una piccola foresteria che giacciono perfette e intatte. Fanno paura inoltre le dichiarazioni dei Consiglieri Provinciali che parlano di introiti e vendite, parlano di sostituzioni e nuove costruzioni, non considerando l’enorme risparmio che deriverebbe dall’aggiustamento dell’attuale edificio. 

Il Nautico, se verrà abbattuto diventerà un simbolo: il simbolo di quanto le amministrazioni guardino agli introiti e non alla società cittadina di domani, di quanto sia corto lo sguardo delle stesse, che si impegnano in considerazioni puramente economiche, di quanto sia grande l’interesse mafioso e privatista sulla nostra terra.

Noi dell’Unione degli Studenti, da studenti ci sentiamo insultati e umiliati, e crediamo che la politica debba iniziare a guardare lontano con le azioni del presente e, per questo, l’abbattimento del Nautico significherà per noi l’inizio di una battaglia contro una palese ingiustizia, battaglia che deve cominciare dall’informazione, perché ogni cittadino sappia che dove noi volevamo scuole per i loro figli, queste persone volevano alberghi e parcheggi di fronte al mare.

Con questi propositi e con la convinzione che non ci sia cosa più grande della scuola e cosa più infima della mafia edilizia noi continuiamo nel nostro lavoro e nella nostra lotta.

UNIONE DEGLI STUDENTI PROVINCIA DI LECCE

 

 

 

About redazione

Guarda anche

Un malore improvviso e poi il decesso. Succede ora a Santa Maria al bagno

Accusa un malore mentre è in spiaggia a fare il bagno e, nonostante le manovre …