sabato , 28 Novembre 2020

“FITODEPURAZIONE VITTORIA DI TUTTA LA CITTA’”

Il consigliere provinciale del Pdl Mino Frasca esprime soddisfazione per gli esiti della vicenda che vede la Regione Puglia e la città di Nardò fronteggiarsi sulla ipotesi della realizzazione di una condotta sottomarina per la dispersione al largo di Torre Inserraglio dei reflui fognari di Nardò e Porto Cesareo. La Regione, infatti, pare orientata adesso a scegliere la strada della fitodepurazione e della costruzione di un impianto di affinamento delle acque.

Il consigliere provinciale del Pdl Mino Frasca esprime soddisfazione per gli esiti della vicenda che vede la Regione Puglia e la città di Nardò fronteggiarsi sulla ipotesi della realizzazione di una condotta sottomarina per la dispersione al largo di Torre Inserraglio dei reflui fognari di Nardò e Porto Cesareo. La Regione, infatti, pare orientata adesso a scegliere la strada della fitodepurazione e della costruzione di un impianto di affinamento delle acque.

 “Quella che si sta profilando – evidenzia – è una soluzione soddisfacente, emblematica dello sforzo di tutta la comunità neretina e della legittimità del rifiuto all’originario progetto di Regione e Aqp. Se davvero verrà accantonata l’ipotesi della costruzione di una condotta sottomarina per lo scarico nel nostro mare dei reflui di Nardò e Porto Cesareo, vorrà dire che avrà vinto il buon senso. Associazioni ambientaliste, cittadini e amministrazione comunale hanno condotto una battaglia fondamentale per la difesa del territorio e per il futuro di Nardò, che giustamente è valsa il riconoscimento delle Cinque Vele da parte di Legambiente. Mi sento di esprimere tutto l’apprezzamento possibile a chi è stato in prima linea, compresi il sindaco Risi e l’assessore Maglio, ai quali adesso chiediamo di completare l’opera accelerando sul progetto di realizzazione dell’invaso per l’affinamento delle acque. Per fortuna non sono andati a vuoto, nei mesi scorsi, i nostri inviti al Sindaco e alla Giunta di scendere in campo realmente e giocarsi questa partita decisiva per la nostra città. Lo spettro della condotta – conclude Frasca – stava rendendo vano qualsiasi ragionamento e qualsiasi progetto sullo sviluppo di un territorio inevitabilmente legato al turismo e quindi alla valorizzazione del suo mare, dei suoi contesti naturali, delle sue bellezze storiche e architettoniche”.

 

 

 

 

About redazione

Guarda anche

Un malore improvviso e poi il decesso. Succede ora a Santa Maria al bagno

Accusa un malore mentre è in spiaggia a fare il bagno e, nonostante le manovre …