mercoledì , 25 Novembre 2020

La Polizia Municipale sul piede di guerra

Il giorno 23 Giugno 2013, si è tenuta, presso i locali del Comando di Polizia Municipale, l’assemblea dei lavoratori del settore, a cui hanno preso parte le R.S.U. Diccap e Uil Fpl e i rispettivi organi provinciali territoriali.

Gli AGENTI si sono riuniti per esaminare alcune problematiche inerenti il comparto della Polizia Municipale di Nardò.

Il giorno 23 Giugno 2013, si è tenuta, presso i locali del Comando di Polizia Municipale, l’assemblea dei lavoratori del settore, a cui hanno preso parte le R.S.U. Diccap e Uil Fpl e i rispettivi organi provinciali territoriali.

Gli AGENTI si sono riuniti per esaminare alcune problematiche inerenti il comparto della Polizia Municipale di Nardò.

I punti salienti su cui si è concentrato l’approfondimento dei rappresentanti sindacali sono stati:

  • Il mancato avvio della concertazione dell’orario di lavoro e servizi aggiuntivi dopo la modifica dell’art. 45 del regolamento;
  • La mancata volontà dell’amministrazione nell’avvio del Tavolo Tecnico, stante, però, la richiesta di sacrifici costanti fatta al Corpo;
  • Mancato pagamento degli arretrati dell’indennità di disagio per l’anno 2010, fattispecie riferita solo alla Polizia Municipale, in quanto al resto dei dipendenti le somme sono state liquidate;
  • Il paventato servizio notturno non regolato legittimamente, in vista dei turni estivi 2013;
  • la carenza di personale in seno al corpo;
  • la mancata modifica dell’accordo siglato nel 1991 in seno all’organizzazione di turni, ferie e riposi;
  • i veicoli in dotazione al personale della polizia locale di Nardò usurati e non più accessibili ai fini della sicurezza e non sono scelti fra i modelli più recenti e muniti delle caratteristiche tecniche più idonee per assolvere adeguatamente i compiti cui sono destinati non garantendo la massima sicurezza del personale che li utilizza;
  • La violazione, da parte della dirigenza, dell’art. 38 del CCNL 14/09/2000, in merito all’effettuazione di ore di lavoro straordinario non rientrante nell’ipotesi dell’imprevedibilità ma solo come fattore ordinario di programmazione del tempo di lavoro e di copertura dell’orario di lavoro dallo stesso articolo espressamente vietato;
  • Il mancato rispetto, da parte dell’amministrazione comunale, dell’accordo siglato nell’agosto 2012 nella parte relativa all’avvio – che doveva avvenire nel Settembre 2012 – delle procedure di convocazione di un tavolo tecnico sulle problematiche della polizia Municipale.
  • la mancanza delle strumentazione necessarie allo svolgimento del servizio;
  • la questione “Fornitura vestiario estivo 2013” con riferimento alla nota di diffida inviata all’amministrazione comunale con cui si richiedeva di valutare la possibilità del blocco del pagamento della stessa in vista di un risarcimento per materiale non conforme;
  • l’assenza di qualsiasi strumento di difesa personale (armi, manette o spray al peperoncino) nello svolgimento dei servizi così come sancito dall’art. 20 della D.M. 145/87;
  • l’assenza della Dichiarazione di Valutazione dei rischi ai sensi del Decreto Legislativo 81/2008 denominato “ Nuovo Testo Unico sulla sicurezza sul lavoro”;
  • il mancato avvio delle procedure per la nuova contrattazione decentrata;
  • Assenza della Patente di Servizio per gli agenti del Corpo di Polizia Municipale;
  • il mancato avvio delle procedure di avvio del Fondo di previdenza integrativa;

Il personale a fronte delle diverse richieste già da tempo avanzate all’A.C. per affrontare questi temi, vista l’assenza di positivi riscontri anche in funzione del blocco da parte del Sindaco del Tavolo tecnico, prima avviato e poi subito sospeso e rimandato a data da destinarsi hanno così deliberato:

  • di indire lo STATO DI AGITAZIONE dei lavoratori della Polizia Municipale del Comune di Nardò;
  • di dare mandato al legale di fiducia al fine di produrre i decreti ingiuntivi per le richieste di pagamento degli arretrati;
  • dare mandato alle segreterie provinciali di inviare formale diffida all’A.C. e al Comandante, per il mancato rispetto delle norme sulla sicurezza sul posto di lavoro, al fine di vietare temporaneamente l’utilizzo del deposito mezzi di Via Hessen, in attesa di una valutazione periziale congiunta con tecnici di parte, in merito all’utilizzo del garage di Via Hessen e di rispettare sul posto di lavoro le norme previste in merito alla sicurezza.

Gli operatori della Polizia Municipale del Comune di Nardò.

Allegati:  Diffida all’A.C. 

 

 

 

About redazione

Guarda anche

Un malore improvviso e poi il decesso. Succede ora a Santa Maria al bagno

Accusa un malore mentre è in spiaggia a fare il bagno e, nonostante le manovre …