sabato , 26 Settembre 2020

This is the end. Rintracciato il "re" della truffa con le citronelle

E’ finita con una segnalazione all’Autorità Giudiziaria, l’attività truffaldina di un uomo, residente a San Cesario che, nei giorni scorsi aveva truffato diverse attività cittadine, proponendo ai malcapitati, lo scarico di un cartone contenente citronelle-scaccia zanzare per la “modica ” somma di € 108.00 iva compresa.
Il sedicente grossista, infatti, prendeva di mira i luoghi dove a gestire l’attività, erano più collaboratori e con fantomatiche telefonate informava probabilmente un suo complice dell’avvenuto incasso dileguandosi senza effettuare lo scarico delle ormai “famigerate” citronelle .
Peccato per lui, però, che nella serata di lunedì 15 luglio, l’uomo si sia presentato presso il Giardino Botanico che si trova nei pressi di Palazzo Personè, annunciando, ormai da buon truffatore incallito, di dover consegnare un pacco contenente 100 citronelle. Il prezzo? Le solite 108 euro.

E’ finita con una segnalazione all’Autorità Giudiziaria, l’attività truffaldina di un uomo, residente a San Cesario che, nei giorni scorsi aveva truffato diverse attività cittadine, proponendo ai malcapitati, lo scarico di un cartone contenente citronelle-scaccia zanzare per la “modica ” somma di € 108.00 iva compresa.
Il sedicente grossista, infatti, prendeva di mira i luoghi dove a gestire l’attività, erano più collaboratori e con fantomatiche telefonate informava probabilmente un suo complice dell’avvenuto incasso dileguandosi senza effettuare lo scarico delle ormai “famigerate” citronelle .
Peccato per lui, però, che nella serata di lunedì 15 luglio, l’uomo si sia presentato presso il Giardino Botanico che si trova nei pressi di Palazzo Personè, annunciando, ormai da buon truffatore incallito, di dover consegnare un pacco contenente 100 citronelle. Il prezzo? Le solite 108 euro.
Grazie ad un nostro lettore, venuto a coscienza della truffa, sono state immediatamente informate le forze dell’ordine cercando nel frattempo, con una scusa, di intrattenere il truffatore.
Un caffè in ghiaccio e quattro chiacchiere, però, non sarebbero state sufficienti. All’arrivo dei Carabinieri, infatti, l’uomo si era già allontanato a bordo della sua vettura dopo aver ricevuto un sms che, probabilmente, lo metteva in guardia della presenza di auto “pericolose” nelle vicinanze.
Il nostro lettore, con una banale scusa, accompagnò il malfattore verso l’uscita del giardino botanico, annotato il modello e la targa dell’auto, comunicandolo alle forze dell’ordine giunte sul posto.
Nella stessa serata il truffatore, però, non si è perso d’animo e ha tentato, questa volta mettendolo a segno, un nuovo colpo presso un supermercato sito alla periferia di Nardò .
Nella giornata di ieri i carabinieri della locale stazione hanno rintracciato l’uomo che pare non sia nuovo a queste vicende. Il malfattore, infatti, risulterebbe segnalato presso la prefettura e ad suo carico penderebbero una serie di Fogli di via obbligatori riconducibili probabilmente ad “attività” simili.

 

About redazione

Guarda anche

Gravissimo incidente domestico

Un gravissimo incidente domestico si è verificato in questi minuti a Nardò, in via San …