domenica , 20 Settembre 2020

Ecco l'ordinanza di sgombero

Premesso che:
– L’Amministrazione Comunale di Nardò allo scopo di organizzare l’accoglienza dei lavoratori extracomunitari non residenti impiegati per la raccolta delle angurie ha individuato con deliberazione di Giunta Comunale n. 244/2013 l’ex area camper situata in località Scianne – S. Isidoro quale area idonea al soggiorno dei lavoratori stagionali.

 

Premesso che:
– L’Amministrazione Comunale di Nardò allo scopo di organizzare l’accoglienza dei lavoratori extracomunitari non residenti impiegati per la raccolta delle angurie ha individuato con deliberazione di Giunta Comunale n. 244/2013 l’ex area camper situata in località Scianne – S. Isidoro quale area idonea al soggiorno dei lavoratori stagionali.

– L’area è dotata di undici bagni, di cui dieci bagni chimici, docce, nove punti di rifornimento di acqua, rifornimenti esterni di acqua potabile, quattordici tende, brandine e materassi nuovi.

– L’operazione di accoglienza è stata varata nell’ambito delle iniziative finalizzate al contrasto del fenomeno del caporalato e del lavoro nero.

– Autonomamente, senza alcuna autorizzazione, alcune decine di cittadini extracomunitari hanno occupato abusivamente un immobile di proprietà privata, appartenente al sig. Rocco Zecca, nato a Leverano il 14/06/1965, situato in località Arene Serrazze, nel Comune di Nardò, a circa mille metri dal centro abitato. L’immobile è censito in catasto al foglio 78, particelle 44 e 242 e viene denominato “ex falegnameria”.

– Dal sopralluogo effettuato dall’ASL Lecce – Dipartimento di Prevenzione – in data 13/07/2013 – comunicato al Comune di Nardò con nota del 15 luglio u.s. – si è rilevata l’assoluta mancanza dei requisiti igienico-sanitari e la precarietà delle condizioni statiche con correlato imminente pericolo per la salute degli occupanti dell’immobile. Conseguentemente il Direttore Servizio Igiene e Sanità Pubblica dell’ASL Lecce – Dott. Alberto Fedele – ha proposto al Sindaco l’emissione di ordinanza contingibile ed urgente di sgombero della struttura per antigienicità e pericolo per l’incolumità personale.

– La relazione del Dipartimento di Prevenzione ASL Lecce riferisce, fra le altre cose, di:
a) volte annerite da probabile pregresso incendio;
b) cucina dotata di tre fornelli da campo e due bombole di gpl;
c) pavimentazione sconnessa;
d) due altri fuochi con bombole di gpl;
e) ampio locale privo di infissi e degradato, allagato per un terzo della superficie;
f) bagno fornito di wc e piatto doccia estremamente sudicio, probabilmente utilizzato nonostante la mancanza di acqua da condotta;
g) struttura priva di servizi igienici;
h) struttura priva di impianti di smaltimento liquami;
i) struttura priva di energia elettrica;
l) presenza di gruppo elettrogeno al quale sono collegati tv e frigorifero;
m)esterno della struttura estremamente degradato;
n) accumuli di rifiuti;
o) tracce di pregressi incendi di arbusti ed erbe.

– E’ necessario procedere, per motivi di carattere sanitario e di igiene pubblica, innanzitutto a tutela dei cittadini extracomunitari presenti nella struttura allo sgombero della stessa ed alla successiva muratura degli ingressi e dei varchi per evitare ulteriori occupazioni abusive.

Tutto ciò premesso, ai sensi dell’articolo 50 comma 5 del D.lgs. 267/2000,

 

O R D I N A

Per le motivazioni esposte in premessa lo sgombero dell’immobile individuato come “ex falegnameria”, sita in Nardò, in contrada Arene Serrazze, foglio 78, particelle 44 e 242, di proprietà del sig. Rocco Zecca, residente in Leverano, alla via Gramsci sn per antigienicità e pericolo per l’incolumità degli occupanti.

Si invitano i funzionari che provvederanno al predetto sgombero a favorire il trasferimento dei cittadini extracomunitari presso la struttura individuata dall’Amministrazione Comunale con deliberazione di Giunta Comunale n.244/2013 in località Scianne – S. Isidoro e di procedere con immediatezza dopo lo sgombero alla muratura delle porte e dei varchi della struttura per evitare ulteriori occupazioni abusive.

Incarica il Dirigente dell’Area Funzionale Staff Sindaco dell’esecuzione della presente ordinanza.

Incarica il Dirigente dell’Area Funzionale 1° ad interdire materialmente l’accesso alla struttura dopo lo sgombero murando gli ingressi ed i varchi o con misure equivalenti.

Dispone che il presente provvedimento venga inviato a S.E. Il Prefetto di Lecce, al Dirigente Commissariato Pubblica Sicurezza di Nardò, Al Comandante della Stazione Carabinieri di Nardò, al Dirigente Area Funzionale Staff Sindaco, al Dirigente Area Funzionale 1°.

Contro il presente provvedimento può essere presentato ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale nei modi e termini previsti dalla legge n. 1034 del 06/12/1971 e successive modificazioni, o al Presidente della Repubblica nei termini e nei modi stabiliti dal D.P.R. n. 1199 del 24/11/1971 (rispettivamente 60 e 120 giorni dalla data di pubblicazione).
Il Sindaco
Marcello Risi

About redazione

Guarda anche

Gravissimo incidente domestico

Un gravissimo incidente domestico si è verificato in questi minuti a Nardò, in via San …