giovedì , 1 Ottobre 2020

Nuova vita per il pontile del porticciolo di Santa Caterina

Dopo un’accurata opera di restyling, è tornato come nuovo  il pontile a servizio della comunità dei pescatori di Santa Caterina, tirato a lucido nei giorni scorsi e restituito finalmente alla pubblica fruizione.

Dopo un’accurata opera di restyling, è tornato come nuovo  il pontile a servizio della comunità dei pescatori di Santa Caterina, tirato a lucido nei giorni scorsi e restituito finalmente alla pubblica fruizione.

A darne l’annuncio con grande soddisfazione l’Assessore all’Ambiente e Politiche Comunitarie Flavio Maglio, che sottolinea “la concreta utilità di questa opera per l’intero comparto della pesca locale”.

L’iniziativa si inserisce nell’ambito del progetto “Tur.Grate 2”, finanziato con i fondi europei del programma IPA ADRIATICO.

Il progetto, curato da Luigi Siciliano del Servizio Politiche Comunitarie e coordinato dalla dirigente Anna Maria De Benedittis, ha tra gli obiettivi quello di realizzare sul territorio una serie di interventi di riqualificazione e recupero di piccole infrastrutture a servizio delle aree costiere.

Dal punto di vista tecnico, il restyling del pontile è avvenuto attraverso la sostituzione dei vecchi fascioni danneggiati e degradati, con nuove fasce lignee, alle quali si è aggiunto un accurato e minuzioso lavoro di ritinteggiatura della piccola ringhiera in legno già esistente. Il legname utilizzato per la realizzazione del nuovo pontile è il Pino di Svezia, debitamente impregnato di materiale protettivo di alta qualità.

La riqualificazione del pontile nasce da una precisa richiesta avanzata dai pescatori di Santa Caterina, che più volte nel corso del tempo hanno fatto presente all’Amministrazione Comunale l’assoluta necessità di intervenire per recuperare una struttura di grande importanza e di quotidiano utilizzo da parte degli operatori del settore ittico.

Giunge oggi la puntuale risposta del Comune – afferma l’Assessore Maglio – e si restituisce alla comunità dei pescatori una preziosa infrastruttura utilissima a chi lavora e trae sostentamento dalle risorse del mare. Si tratta della prima di una lunga serie di azioni che abbiamo in animo di realizzare a favore del comparto della pesca nostrana.

Anche grazie al prezioso lavoro che sta svolgendo il consigliere Pierpaolo Losavio, che ringrazio per l’impegno costante nell’ambito del GAC Jonico Salentino, a breve  – conclude Maglio – sarà possibile per il Comune di Nardò candidarsi autorevolmente con nuovi progetti da finanziare con le risorse del Fondo Europeo della Pesca, per importanti interventi da realizzare sulle nostre zone costiere a beneficio non solo dei pescatori, ma dell’intera comunità di cittadini”

 

 

 

 

About redazione

Guarda anche

Un malore improvviso e poi il decesso. Succede ora a Santa Maria al bagno

Accusa un malore mentre è in spiaggia a fare il bagno e, nonostante le manovre …