sabato , 31 Ottobre 2020

"Persi i finanziamenti per l'asilo nido di Via Marinai d'Italia"

Come era facilmente immaginabile, i finanziamenti per il rifacimento dell’asilo di via Marinai d’Italia sono stati persi. Qualche mese fa, a seguito della notizia del contenzioso giuridico tra la ditta “Socev” ed il Comune di Nardò (per la quale vicenda, dietro mie insistenze, il Comune stesso si era costituito parte civile), avevo ipotizzato la perdita dei finanziamenti per decorrenza dei termini. I lavori sarebbero dovuti essere ultimati entro il Febbraio del 2012. Ad oggi, invece, non hanno neppure avuto inizio.

Come era facilmente immaginabile, i finanziamenti per il rifacimento dell’asilo di via Marinai d’Italia sono stati persi. Qualche mese fa, a seguito della notizia del contenzioso giuridico tra la ditta “Socev” ed il Comune di Nardò (per la quale vicenda, dietro mie insistenze, il Comune stesso si era costituito parte civile), avevo ipotizzato la perdita dei finanziamenti per decorrenza dei termini. I lavori sarebbero dovuti essere ultimati entro il Febbraio del 2012. Ad oggi, invece, non hanno neppure avuto inizio.

I fondi per il rifacimento della struttura erano stati riconosciuti al Comune di Nardò, nel 2008, a seguito del bando regionale per i Piani Sociali di zona del 2007. Per non dilungarsi nell’iter procedurale di tale bando, basta ricordare che, dopo una aggiudicazione del bando di gara per l’esecuzione dei lavori con ribasso del 38% e l’aggiudicazione del bando per la direzione dei lavori con ribasso dell’80% circa, i lavori venivano sospesi e, ad oggi, ancora non ripresi per via del contenzioso con la ditta “Socev”. 

Il contratto sottoscritto tra Comune e Regione per la liquidazione dei fondi (centinaia di migliaia di euro) prevedeva la possibilità di una sola proroga di sei mesi dalla data di consegna dei lavori. Lavori che, come già detto, sarebbero dovuti essere ultimati nel Febbraio 2012. La proroga non è mai stata richiesta; oggi, a 18 mesi di distanza è ancora tutto in alto mare avendo come risultato finale la perdita del finanziamento.

Auspico che qualcuno possa smentirmi e che le mie siano solo congetture, le quali, però, se dovessero risulatre vere, impongono all’Amministrazione Comunale la ricerca delle responsabilità e le conseguenziali conclusioni.

 

Giovanni Siciliano – Consigliere Provinciale 

About redazione

Guarda anche

Un malore improvviso e poi il decesso. Succede ora a Santa Maria al bagno

Accusa un malore mentre è in spiaggia a fare il bagno e, nonostante le manovre …