mercoledì , 28 Ottobre 2020

"Solo". Vi presentiamo lo spettacolo, costato 12.000 euro, che ha fatto tanto discutere

Il 21 agosto, notte di luna piena, a partire dalle ore 21, nella Baia di Porto Selvaggio una scia di suoni, colori e odori della natura condurrà sino all’alba di un nuovo giorno. In via del tutto eccezionale, per una sola notte, uno dei luoghi più suggestivi del Salento, ospiterà un evento di musica e parole e tanti brevi e intensi concerti, tutti per uno strumento “solo”.
La serata rientra nella rassegna di eventi culturali transfrontalieri 2013, che vedono coinvolte Puglia, Grecia, Albania e Montenegro e che sono programmati nell’ambito dell’Azione 9.3 del progetto TUR.GRATE2.

Il 21 agosto, notte di luna piena, a partire dalle ore 21, nella Baia di Porto Selvaggio una scia di suoni, colori e odori della natura condurrà sino all’alba di un nuovo giorno. In via del tutto eccezionale, per una sola notte, uno dei luoghi più suggestivi del Salento, ospiterà un evento di musica e parole e tanti brevi e intensi concerti, tutti per uno strumento “solo”. 
La serata rientra nella rassegna di eventi culturali transfrontalieri 2013, che vedono coinvolte Puglia, Grecia, Albania e Montenegro e che sono programmati nell’ambito dell’Azione 9.3 del progetto TUR.GRATE2.
“Questa è un’ occasione unica – sottolinea così l’Assessore alle politiche comunitarie di Nardò, Flavio Maglio – per valorizzare ulteriormente il Parco regionale di Porto Selvaggio, che è già uno scrigno di bellezze naturalistiche, ma che in questo caso si arricchisce di un bel momento culturale. Si intende offrire, così, anche, ma non solo, ai tanti turisti che hanno già scelto il nostro mare, che quest’anno, mi fa molto piacere ricordare, ha ottenuto il riconoscimento delle 5 Vele di Legambiente, la possibilità di godere di un paesaggio suggestivo come questa baia, anche di notte”.
Si parte da “Villa Tafuri” e ci si incammina lungo un percorso di musica e reading di storie sul mare, all’interno del Parco Naturale. Al centro del progetto è il tema del rispetto e della salvaguardia dell’ambiente. Sarà possibile illuminare il sentiero, che conduce sino al mare, grazie al chiarore della luna e, anche, alle torce di cui i partecipanti sono invitati a munirsi, per garantire una maggiore sicurezza.
La serata sarà allietata da tante, suggestive, soste musicali; diversi momenti in cui ritrovarsi ad ascoltare artisti che dialogano attraverso le note di un solo strumento. Si seguirà così un itinerario di suoni che accompagnano sino alla baia, luogo che riserva la sorpresa che condurrà sino alle prime luci del mattino.
Sul mare ci sarà un pianoforte e i pianisti, che si alterneranno, ospitati a bordo del Portus Veneris, un’antica imbarcazione a vela di 14 metri, restaurata dall’Associazione Magna Grecia Mare di Tricase. Si tratta di un veliero dei primi del ‘900 che in passato salpava dai nostri mari e che è uno dei pochi esemplari conservati nel Museo Attivo di Portus Veneris di Tricase. Il caicco arriverà a pochi metri dalla riva e con la sua suggestiva presenza completerà il crescendo di emozioni legate allo spettacolo della natura.
E, così, cullati dalle onde del mare si esibiranno: Jelena Vjestica, Mauro Tre, Francesco Negro, Thomas Corvaglia (pianoforte); Emanuele Coluccia (fiati) con poesie di Marthia Carrozzo; Angela Così (arpa); Marco Bardoscia (contrabbasso); Paco El Rojo (chitarra); Giorgia Santoro (flauto); Roberto Gagliardi (sax).
L’ingresso è “rigorosamente” gratuito.
L’ evento è promosso da Comune di Nardò – Assessorato alle Politiche Comunitarie nell’ambito del Progetto TUR.GRATE2 – Adriatic IPA in collaborazione con l’Associazione culturale “Trasporti Marittimi” .

About redazione

Guarda anche

Gravissimo incidente domestico

Un gravissimo incidente domestico si è verificato in questi minuti a Nardò, in via San …