domenica , 25 Ottobre 2020

Festival Déco. Percorsi d’Arte in dimore storiche. Nardò Galatone Sannicola Alezio

Dopo una breve pausa a cavallo di Ferragosto, riprendono gli appuntamenti con il Festival Déco, la rassegna estiva che da dieci anni, attraverso eventi e percorsi guidati, consente di visitare splendide ville e casine di campagna prevalentemente private, che caratterizzano alcune località salentine.

Dopo una breve pausa a cavallo di Ferragosto, riprendono gli appuntamenti con il Festival Déco, la rassegna estiva che da dieci anni, attraverso eventi e percorsi guidati, consente di visitare splendide ville e casine di campagna prevalentemente private, che caratterizzano alcune località salentine.

Protagonisti del Festival sono Nardò, Galatone, Sannicola e Alezio, territori del versante jonico  accomunati dalla presenza di particolari concentrazioni di ville che attestano la riscoperta del “vivere in villa” che interessò il Salento fin dal ‘700, verso la fine dell’’800 e fino ai primi del ‘900.  Appartiene proprio a questo periodo il nucleo di scenografiche dimore  che si concentra sul territorio di Galatone protagonista della tappa di martedì 20.       

Promosso dalla Cooperativa Fluxus e dal Centro culturale Palazzo Leuzzi  con la collaborazione dell’Amministrazione comunale, l’appuntamento galatonese propone un percorso alla volta di ville eclettiche e di palazzi ottocenteschi.  Dalla chiesa dei Cappuccini (raduno h. 17:30), sospinti da una lieve brezza che contraddistingue questi luoghi lievemente in altura, ci si sposta a piedi lungo la via che conduce a Gallipoli dove si susseguono le belle ville. Caratterizzata da un insolito tetto in stile alpino, quasi un “esotico” chalet, Villa Dagmar è circondata da un piccolo giardino con due maestosi carrubi, censiti e vincolati dall’Ispettorato forestale.  Un trionfo di decori in pietra leccese plasmata dalle abili mani dello scalpellino Nicola Stapane, detto Billino, impreziosisce le Ville Malerba e Cataldo, oggi Nisi, riportata di recente al suo antico splendore e contraddistinta da una zoccolatura di sassi di mare provenienti dalla vicina S. Maria al Bagno.  Si prosegue con la visita della Villa Larini, oggi Spirito e della Villa Fusaro. Spostandosi nel centro storico, si schiudono le porte del Palazzo Arbia – De Paolo e di Palazzo Leuzzi, oggi anche accogliente B&B con il bel giardino chiuso ed eleganti sale affrescate.  La visita termina in questo contesto ospitale e raffinato con una degustazione di vini. Informazioni e prenotazioni ai numeri 0833572657 –3804739285. 

About redazione

Guarda anche

TASSA SPAZZATURA, NUOVA BATOSTA TARGATA MELLONE

Il sindaco conferma l’aumento della Tari introdotto un anno fa (14,5%). Nessun “occhio di riguardo” …