giovedì , 29 Ottobre 2020

Vertenza asilo: oggi un incontro

Dai Quotidiani locali si è appreso che domani, Venerdì 23, il Sindaco Marcello Risi ha convocato la ditta “Socev” ed il suo legale, Avv. Paolo Gaballo, il Segretario Comunale, l’Ing. D’Alessandro, l’Ing. Giuseppe Formoso e l’Ing. Pellegrino dell’ufficio lavori pubblici per tentare una sanatoria in merito alla controversia giudiziaria tra Socev e Comune di Nardò per l’asilo nido di via Marinai d’Italia. La richiesta dell’incontro, che lascia presupporre il tentativo di una transazione è, a mio avviso, una presa d’atto che l’ufficio comunale competente, in tutta la vicenda, ha tutte le responsabilità senza attenuante alcuna.

Dai Quotidiani locali si è appreso che domani, Venerdì 23, il Sindaco Marcello Risi ha convocato la ditta “Socev” ed il suo legale, Avv. Paolo Gaballo, il Segretario Comunale, l’Ing. D’Alessandro, l’Ing. Giuseppe Formoso e l’Ing. Pellegrino dell’ufficio lavori pubblici per tentare una sanatoria in merito alla controversia giudiziaria tra Socev e Comune di Nardò per l’asilo nido di via Marinai d’Italia. La richiesta dell’incontro, che lascia presupporre il tentativo di una transazione è, a mio avviso, una presa d’atto che l’ufficio comunale competente, in tutta la vicenda, ha tutte le responsabilità senza attenuante alcuna.

Bene ha fatto il Sindaco a tentare una transazione per evitare il rischio che la vicenda si concludesse con la condanna degli uffici comunali e con un conseguente debito fuori bilancio. Suona strana la convocazione dell’Ing. D’Alessandro e non quella dell’Ing. Piero Formoso, in quanto all’epoca dei fatti il Dirigente dell’ufficio responsabile era lo stesso Ing. Piero Formoso e non l’Ing. D’Alessandro. Comunque si concluda l’incontro di domani restano due fatti gravi. Il primo, rappresentato dalla perdita del finanziamento regionale per la ristrutturazione dello stabile; il secondo, dal fatto che l’intera vicenda è addebitabile ad errori delle varie fasi progettuali ed all’aggiudicazione con ribassi spaventosi sia del bando per l’esecuzione dei lavori, sia del bando per l’esecuzione dei lavori. Concluso ricordando a tutti coloro che sono interessati o che seguono tale vicenda, che per quanto concerne il recupero della vecchia pretura di Piazza Salandra si registrano ritardi spaventosi per quanto riguarda la data di consegna dei lavori ed anche in questo caso lievitazione dei prezzi rispetto a quelli di aggiudicazione della gara.

 

Giovanni Siciliano – Consigliere Provinciale

 

 

 

About redazione

Guarda anche

Un malore improvviso e poi il decesso. Succede ora a Santa Maria al bagno

Accusa un malore mentre è in spiaggia a fare il bagno e, nonostante le manovre …