mercoledì , 28 Ottobre 2020

Bilancio, Opere pubbliche, smaltimento rifiuti…Tre piaghe da curare

Domani, giovedì 5 settembre, alle ore 19,00 il Sindaco Risi ha convocato la riunione dei responsabili politici della maggioranza del governo cittadino per discutere di Opere Pubbliche, Bilancio, e smaltimento dei rifiuti. Non essendo il sottoscritto partecipe all’incontro, ritengo di potermi rendere utile ai problemi della comunità di Nardò dando attraverso gli organi di stampa i miei modestissimi pareri sugli argomenti in questione. Sul problema smaltimento dei rifiuti ho già predisposto e la protocollerò a breve una proposta che preveda l’abbattimento della tariffa di smaltimento dei rifiuti delle case di villeggiatura.

Domani, giovedì 5 settembre, alle ore 19,00 il Sindaco Risi ha convocato la riunione dei responsabili politici della maggioranza del governo cittadino per discutere di Opere Pubbliche, Bilancio, e smaltimento dei rifiuti. Non essendo il sottoscritto partecipe all’incontro, ritengo di potermi rendere utile ai problemi della comunità di Nardò dando attraverso gli organi di stampa i miei modestissimi pareri sugli argomenti in questione. Sul problema smaltimento dei rifiuti ho già predisposto e la protocollerò a breve una proposta che preveda l’abbattimento della tariffa di smaltimento dei rifiuti delle case di villeggiatura. Su tale argomento il comune di Nardò è tra quelli  che sulle case di villeggiatura non ha voluto, ne saputo prendere atto che le case di villeggiatura è assurdo che paghino la tariffa di smaltimento per l’intero anno, producendo rifiuti al massimo solo per tre mesi. E’ una violenza inaudita verso i contribuenti, e per giunta si continua a far pagare anche per i mesi di villeggiatura lo smaltimento dei rifiuti della 1° casa. Che io sappia non ci sono cittadini che abbiano acquisito il dono della ubiquità. Sull’argomento Bilancio ritengo prioritarie alcune cose, la prima impinguare il capitolo dei servizi sociali per meglio affrontare le problematiche delle categorie deboli e secondo predisporre l’importi necessari per l’attivazione dei varchi elettronici di accesso al centro storico. Nel 2009 ben sei varchi elettronici furono installati con una spesa di €  300.000,00 provenienti da fondi PON. Siamo nel 2013 ed ancora sono vergognosamente fermi. La loro attivazione sarà l’inizio per un vero recupero del centro storico che tutelerà residenti ed operatori commerciali. Sul terzo argomento Opere Pubbliche sarebbe il caso di stendere un velo pietoso, ma anche su questo argomento ritengo prioritario, prima l’abbattimento  o il completamento delle belle incomplete che deturpano da decenni il nostro territorio, e poi immaginarne di nuove sperando che non vengano gestite allo stesso modo delle loro sorelle anziane. Il territorio di Nardò non ne può più, tra Palazzo dell’Incoronata, Gerontocomio, asilo nido, e Museo del mare, sono troppe le cattedrali nel deserto presenti sul territorio di Nardò. Per fortuna per quanto riguarda il Museo del mare il vice sindaco Carlo Falangone è riuscito ad ottenere il finanziamento per il completamento. Ai segretari politici presenti all’incontro l’importante compito di saper tutelare le esigenze della comunità neretina.

 

Il Consigliere  Provinciale

Giovanni Siciliano  

 

 

 

About redazione

Guarda anche

Un malore improvviso e poi il decesso. Succede ora a Santa Maria al bagno

Accusa un malore mentre è in spiaggia a fare il bagno e, nonostante le manovre …