mercoledì , 28 Ottobre 2020

Anche Riccardo Leuzzi "partecipa" a questa maggioranza

Anche Riccardo Leuzzi “partecipa” a questa maggioranza.

Abbiamo ascoltato, in questi mesi, voci critiche provenienti da componenti della maggioranza di Marcello Risi. Alcuni dei quali, coerentemente, hanno portato alle estreme conseguenze la loro “rupture” con l’Amministrazione guidata da Marcello Risi. Così è stato prima per Sinistra Ecologia e Libertà e, poi, per Giovanni Siciliano. Entrambi, con accenti diversi, hanno abbandonato il sindaco che avevano contribuito ad eleggere.

Anche Riccardo Leuzzi “partecipa” a questa maggioranza.

Abbiamo ascoltato, in questi mesi, voci critiche provenienti da componenti della maggioranza di Marcello Risi. Alcuni dei quali, coerentemente, hanno portato alle estreme conseguenze la loro “rupture” con l’Amministrazione guidata da Marcello Risi. Così è stato prima per Sinistra Ecologia e Libertà e, poi, per Giovanni Siciliano. Entrambi, con accenti diversi, hanno abbandonato il sindaco che avevano contribuito ad eleggere.

In questi mesi, una nuova voce critica s’ode in maggioranza: quella di Partecipa, o meglio del suo coordinatore, attraverso manifesti e articoli di stampa. Ultimi in ordine di tempo un manifesto, molto critico, sull’idea dell’ospedale per immigrati voluto dall’assessore Gentile e annunciato nel corso di un incontro pubblico a Nardò, poi la critica, forte e decisa, alla firma del protocollo d’intesa apposta dal sindaco Risi che decreta la morte clinica dell’ospedale San Giuseppe Sambiasi.

Posizioni in forte contrasto con quelle espresse da uno dei due consiglieri comunali della stessa lista che Leuzzi dovrebbe coordinare. Posizioni che mal si conciliano, a dire il vero, anche con l’atteggiamento dall’assessore Leuzzi, Maurizio, fratello del coordinatore, che, invece, sottoscrive tranquillamente ogni atto di Giunta.

Ebbene, per questo motivo, invitiamo Riccardo Leuzzi, amministratore e politico di lungo corso, ad essere coerente con le sue posizioni e fare una decisa scelta di campo. Ne va della sua credibilità. In caso contrario, apparirebbe evidente che le uscite pro e contro, a giorno alterno, vergate da esponenti di Partecipa, sono espressione della sciagurata “politica dei due forni” e, quindi, concordate a tavolino per dare un colpo al cerchio ed uno alla botte. Politica questa che, ormai, non “incanta” più nessuno. Tanto meno i cittadini elettori.

Pippi Mellone

Consigliere comunale

Comunità Militante Andare Oltre

 

 

 

 

 

 

 

 

About redazione

Guarda anche

Un malore improvviso e poi il decesso. Succede ora a Santa Maria al bagno

Accusa un malore mentre è in spiaggia a fare il bagno e, nonostante le manovre …