mercoledì , 28 Ottobre 2020

Ma Santo Dio, come è possibile? **CON TANTE "INCREDIBILI" FOTO**

L’estate dura la bellezza di novanta giorni. Se si considera, poi, che le scuole si svuotano degli alunni dai primi giorni di giugno non si riesce a capire come sia stato possibile che alunni e genitori dell’edificio scolastico di Piazza Umberto si siano potuti trovare di fronte alla “surreale” situazione odierna.

L’estate dura la bellezza di novanta giorni. Se si considera, poi, che le scuole si svuotano degli alunni dai primi giorni di giugno non si riesce a capire come sia stato possibile che alunni e genitori dell’edificio scolastico di Piazza Umberto si siano potuti trovare di fronte alla “surreale” situazione odierna.
Il largo marciapiede posto a servizio dell scuola era “occupato” da alcuni operai con tanto di mezzi pesanti a “supporto”.
La domanda, ora, sorge spontanea: ma con tanti giorni perché si è aspettato che la scuola prendesse il via per iniziare i lavori.
Novanta lunghi giorni, evidentemente, non sono stati sufficienti a “programmare” e realizzare i lavori. Così gli alunni, nonostante la giornata afosa, si sono ritrovati costretti a tenere le finestre chiuse per evitare di essere sommersi dalla polvere.
Se c’è un motivo valido per cui i lavori sono in corso e si è atteso l’inizio dell’anno scolastico per effettuarli, qualcuno ce lo spieghi perché noi non riusciamo, con tutta la buona volontà possibile, a comprenderlo.

About redazione

Guarda anche

Gravissimo incidente domestico

Un gravissimo incidente domestico si è verificato in questi minuti a Nardò, in via San …