mercoledì , 28 Ottobre 2020

Mozione di sfiducia

Solo a Nardò davanti ad una mozione di sfiducia verso sindaco e presidente del Consiglio comunale, redatta da consiglieri eletti in maggioranza e sottoscritta anche da consiglieri di minoranza, la discussione si sposta sulla leggibilità delle firme.

Solo a Nardò davanti ad una mozione di sfiducia verso sindaco e presidente del Consiglio comunale, redatta da consiglieri eletti in maggioranza e sottoscritta anche da consiglieri di minoranza, la discussione si sposta sulla leggibilità delle firme. 

Sono nuovamente all’opera i fidi scudieri del sindaco. Coloro che, piuttosto che parlare di un Protocollo d’intesa che non piace a molti politici e a tutti i neretini, preferiscono parlare e discutere della grafia dei consiglieri. Se qualcuno crede così di buttare la palla in calcio d’angolo, sappia che non daremo tregua a Costoro come al sindaco e ai suoi fedelissimi.

I sottoscritti consiglieri comunali, nonostante il tentativo di “parlare d’altro” e distogliere l’attenzione dell’opinione pubblica dai veri problemi della Città, confermano di aver sottoscritto la mozione in questione e di volerne l’immediata discussione in apposita seduta del Consiglio. Ricordiamo peraltro a costoro che bastano 5 firme per far svolgere un consiglio comunale monotematico o chiedere la discussione di una mozione, motivo per cui qualsiasi polemica si grafia e numero delle firme appare inopportuna e pretestuosa. Per fugare ogni dubbio ai soliti azzeccagarbugli, questo comunicato sarà firmato a stampatello. Così, per stare tranquilli ed essere certi che domani si parli del sindaco in difficoltà e di una maggioranza che sul caso Ospedale non c’è più…

 

TOTUCCIO CALABRESE

CESARE DELL’ANGELO CUSTODE

ALESSANDRO PRESTA

MIRELLA BIANCO

PAOLO MACCAGNANO

PIPPI MELLONE

 

 

 

About redazione

Guarda anche

Un malore improvviso e poi il decesso. Succede ora a Santa Maria al bagno

Accusa un malore mentre è in spiaggia a fare il bagno e, nonostante le manovre …