martedì , 27 Ottobre 2020

Nardò: Risi prevede un' epidemia di emorroidi

Risi ha in tasca una tessera, quella del Pd, che non gli consente di parlare di “centrosinistra regionale” come di un corpo estraneo essendone, egli stesso, un esponente ed essendo stato eletto col supporto determinante di Sinistra Ecologia e Libertà.

Risi ha in tasca una tessera, quella del Pd, che non gli consente di parlare di “centrosinistra regionale” come di un corpo estraneo essendone, egli stesso, un esponente ed essendo stato eletto col supporto determinante di Sinistra Ecologia e Libertà.

La manifestazione di domani è un fatto molto positivo. Ritengo, infatti, che questa Città, la seconda della Provincia dopo Lecce, abbia abdicato da tempo al proprio ruolo, si sia imbolsita, sia incapace d’indignarsi, protestare, scendere in piazza, dire la propria. E cos’è la democrazia, invece, se non partecipazione?

Ho ascoltato, in queste ore, tanti amici che si erano già arresi, che dicevano: ormai “è tutto deciso, non c’è più nulla da fare!” Ebbene voglio ricordare cosa è successo in queste ore a Gallipoli, dopo le proteste dei mesi scorsi, nel centro jonico, è stata decisa dalla Regione Puglia la riapertura del reparto di Rianimazione! Protestare, quindi, serve! Purchè lo si faccia con convinzione e si sappia cosa chiedere! Nulla è deciso per sempre, tutto può essere modificato. Basta ci sia la volontà politica di farlo… Quanto all’amico Siciliano, spiace constatare che un politico cattolico come Lui, che proviene dalla Dc-Udc, non creda ai miracoli. Lo immaginavamo più ottimista e più religioso.

Aldilà delle promesse elettorali del duo Risi-Vendola, la realtà è sotto i nostri occhi, il San Giuseppe Sambiasi non solo non è stato riaperto ma ogni reparto, nessuno escluso, è stato chiuso! Come chiuso è stato anche il nostro importantissimo, essenziale direi, Pronto Soccorso! Il nostro nosocomio è stato ridotto ad un misero Poliambulatorio di Terzo Livello. E qui veniamo alla propaganda di queste ore. Un sindaco che ha il coraggio di pubblicizzare come un successo la svendita del suo territorio. Cos’è infatti un Poliambulatorio di Terzo Livello? E’ un Centro in cui verranno trasferiti gli uffici oggi situati presso la zona 167 e in cui si potranno effettuare interventi di cataratta, tunnel carpale e dulcis in fundo… emorroidi!

E pensare che il sindaco Risi, con la solita faccia di bronzo che lo contraddistingue, ha parlato di “80 interventi al mese”! Evidentemente è al corrente di una imminente epidemia di emorroidi nel nostro Comune!

Un sindaco che svende la propria Città col sorriso sulle labbra stringendo la mano al nostro carnefice non è il mio sindaco, non può essere il sindaco di una grande Città come Nardò!

Per tutti questi motivi, e per molti altri che illustrerò domani nel corso della manifestazione, invito tutti i neretini, senza distinzione alcuna, a scendere in piazza Cesare Battisti a partire dalle ore 19. Manifestare serve!

 

Pippi Mellone

Consigliere comunale

Comunità Militante

Andare Oltre

 

 

 

About redazione

Guarda anche

Un malore improvviso e poi il decesso. Succede ora a Santa Maria al bagno

Accusa un malore mentre è in spiaggia a fare il bagno e, nonostante le manovre …