domenica , 25 Ottobre 2020

COMUNICATO STAMPA SOUTH BOYS NARDO’

In merito alle ultime novità sulla crisi della Nardò Calcio ed in particolare sulla scelta della società di proseguire le attività agonistiche, intendiamo informare tutti i tifosi e gli appassionati, quale è la nostra posizione e le nostre decisioni in merito.

In merito alle ultime novità sulla crisi della Nardò Calcio ed in particolare sulla scelta della società di proseguire le attività agonistiche, intendiamo informare tutti i tifosi e gli appassionati, quale è la nostra posizione e le nostre decisioni in merito.

Siamo e rimaniamo fortemente convinti che la strada della radiazione sia l’unica opzione seria e lungimirante per il bene del calcio a Nardò. Non intendiamo tornare sui motivi che ci inducono ad avere queste convinzioni ma vogliamo e dobbiamo sottolineare che prolungare questa lunga e dolorosa agonia, anche in virtù degli ulteriori sei punti di penalizzazione, ci farà perdere ancora del tempo nella ricostruzione del calcio nella nostra città.

Dopo la nostra forte presa di posizione di qualche settimana fa siamo stati additati da più fronti di essere il vero male di questa città. Chi ci ha visto strumentalizzati da chissà quale fronte politico. Chi ha visto nella nostra presa di posizione un azione intenta a far svincolare dei giocatori nell’interesse di chissà quale società. Chi ci addebita di prendere delle decisioni per tutti senza averne diritto.

Sapevamo ed eravamo convinti che la nostra azione avrebbe creato diverse linee di pensiero, come è giusto e logica che sia, a Nardò il Calcio è una cosa Sacra e quindi avevamo messo in preventivo che parte della città non sarebbe stata con noi. Onestamente però non pensavamo di rimanere i soli ad aver captato tutti i segnali negativi di questa società ed il grande bluff che giorno dopo giorno si è consumato.

Non crediamo poi che fra oggi e poche settimane fa sia cambiato nulla. Di soldi si parla ma non se ne vedono. Si continua a dire che onoreranno tutti gli impegni economici ma francamente ci sembra di sentire un disco ascoltato più volte.

Insomma secondo noi non è davvero cambiato nulla rispetto a quel fatidico giovedì.

Fosse per noi continueremmo per la nostra strada ma non vogliamo e non possiamo fornire alibi a nessuno. Evidentemente in questa città, abituata ad essere sfruttata e derisa, basta vedere in campo 11 maglie granata che inseguono un pallone. Evidentemente questa città non è pronta a farsi delle domande e a cercare delle risposte. Evidentemente i mille bluff creati a tavolino in questi anni dai soliti sceneggiatori, non sono bastati a far aprire gli occhi alla gente.

Siamo fortemente convinti che il tempo purtroppo ci darà ragione ma fino ad allora abbiamo deciso di tirarci fuori. Di sospendere noi le nostre attività. Di lasciare il destino di questa società nelle mani di chi per anni ci ha illusi e delusi. Di assecondare la volontà di questo paese. Di permettere a chiunque di sfruttare questa società per i propri affari e per i propri interessi.

Non ci saremo allo stadio, né in casa né in trasferta. Non faremo più domande e non pretenderemo risposte. Non vigileremo più sulle sorti di questa società almeno fino a quando non ci renderemo conto che si possa fare calcio in maniera seria e trasparente. Almeno fino a quando tutti i responsabili siano definitivamente fuori e lontano dal Nardò e da Nardò. Almeno fino a quando non si crei una società distante e distinta dalla politica e governata da persone serie e credibili al di là della categoria e dei programmi.

Insomma il problema “ultras” per la società Nardò Calcio e per i neretini benpensanti non ci sarà più.

Tutelate voi gli interessi del Nardò. Nel bene del Nardò.

Domenica riavrete il vostro passatempo mentre questa città agli occhi dei più continuerà a perdere orgoglio e dignità…ma cosa importa, domenica due ore della vostra giornata saranno impegnate…

BUON DIVERTIMENTO E BUON CAMPIONATO A TUTTI!!!

 

SOUTH BOYS NARDO’ 2002

 

 

 

About redazione

Guarda anche

La gioventù non bruciata. Proviamo a capirne di più

Nuovo appuntamento con la rassegna letteraria “A Franco sarebbe piaciuto”. Domani 3 agosto ore 20.00, …