domenica , 25 Ottobre 2020

La Città viene prima del Partito

Leggo e apprendo dalla stampa odierna le evoluzioni del dibattito interno al Partito Democratico neretino. Evoluzioni che mi lasciano fortemente perplesso. A fronte di un Partito democratico che alle ultime 

elezioni politiche a Nardò ha raccolto la metà dei consensi (2.800 a fronte dei 5.600 del 2008), “il mercato delle vacche” sembra, invece, in pieno fermento.

Leggo e apprendo dalla stampa odierna le evoluzioni del dibattito interno al Partito Democratico neretino. Evoluzioni che mi lasciano fortemente perplesso. A fronte di un Partito democratico che alle ultime 
elezioni politiche a Nardò ha raccolto la metà dei consensi (2.800 a fronte dei 5.600 del 2008), “il mercato delle vacche” sembra, invece, in pieno fermento.

Assessori senza “casa”, politici di lungo corso e democratici dell’ultima ora tutti sui nastri di partenza alla caccia di una tessera democratica. Accanto a tanto entusiasmo pre-congressuale e a tanta (sacrosanta, per carità!) voglia di crescere ed emergere nei partiti, la città non se la passa, però, affatto bene.

Gli assessori, taluni impegnati a dare una mano al sindaco ed altri alleati di PD-Sel-Idv-Udc, indaffarati in improbabili Rifondazioni destrorse, non si capisce, infatti, cosa abbiano realizzato, dal punto di vista amministrativo, in questi primi 2 anni e mezzo di mandato. La macchina amministrativa appare, infatti, ingessata.

In tutto il contesto la cosa che appare meno condivisibile è che anche il primo cittadino, nelle ultime settimane appare più interessato e preoccupato dal destino della segreteria provinciale del Partito piuttosto che a quello della Città. Tutti i suoi sforzi sono concentrati, infatti, sul Partito e gli equilibri futuri della Giunta passano, pare di capire, non dai risultati amministrativi raggiunti dai singoli componenti della squadra di Governo, bensì dall’apporto che daranno questi ultimi (molti dei quali totalmente estranei alla storia del Partito Democratico) alla candidatura di Salvatore Piconese alla Segreteria Provinciale. Colgo l’occasione per invitarlo pubblicamente a non distrarsi nella ricerca di soluzioni per i problemi interni al Partito Democratico, bensì alla ricerca di soluzioni per ben più importanti problemi, quelli della nostra Città.
Auspico, dunque, che l’attuale segreteria cittadina (nonostante sostenga lo stesso candidato del primo cittadino) prenda atto di chi oggi sta sottoscrivendo la tessera del nostro partito anche alla luce 
delle buone intenzioni annunciate a più riprese dallo stesso segretario. Nel corso degli ultimi incontri, infatti, il nostro segretario segnalò l’importanza della sottoscrizione della tessera e come sia chi la 
sottoscrivesse sia chi lo avesse invitato a farlo assumesse un importante impegno nei confronti della nostra Comunità umana.

Lorenzo Siciliano
Partito Democratico

 

 

 

About redazione

Guarda anche

Un malore improvviso e poi il decesso. Succede ora a Santa Maria al bagno

Accusa un malore mentre è in spiaggia a fare il bagno e, nonostante le manovre …