mercoledì , 20 Gennaio 2021

Sindaco, basteranno 16 consulenze per il piano del Parco e il piano delle Coste?

Ancora consulenze a “go go” per il Piano del Parco e il Piano delle Coste.

Infatti, se fossero confermate le indiscrezioni anticipate da alcuni organi di stampa, Risi e i suoi si starebbero apprestando a conferire altri 4 incarichi per il Piano Coste e altri 3 per il Piano Parco.
Per chi non lo ricordasse, allo scopo erano già stati affidati nei mesi scorsi incarichi “a persona” da parte della giunta comunale (3 per il Piano Coste e 6 – di cui 1 non retribuito- per il Piano del Parco) per un importo complessivo di 45.000 euro.

Ancora consulenze a “go go” per il Piano del Parco e il Piano delle Coste.
Infatti, se fossero confermate le indiscrezioni anticipate da alcuni organi di stampa, Risi e i suoi si starebbero apprestando a conferire altri 4 incarichi per il Piano Coste e altri 3 per il Piano Parco.
Per chi non lo ricordasse, allo scopo erano già stati affidati nei mesi scorsi incarichi “a persona” da parte della giunta comunale (3 per il Piano Coste e 6 – di cui 1 non retribuito- per il Piano del Parco) per un importo complessivo di 45.000 euro.

Quindi, a conti fatti, questa amministrazione comunale con il sindaco Risi in testa, per la stesura dei due strumenti di pianificazione arriverebbe a conferire incarichi a ben 16 persone (di cui 1 non retribuita), con buona pace dell’ennesima (disattesa) promessa elettorale del primo cittadino che, pur di essere eletto, non aveva lesinato di affermare che non avrebbe più conferito incarichi se non quelli strettamente necessari (giudicate voi). D’altro canto chi non ricorda che uno dei primi atti fu quello di dare incarico ad un dirigente che costa alle casse comunali decine di migliaia di euro che, probabilmente, sarebbero potuti essere meglio spesi a vantaggio dei cittadini neritini. Ma tant’è.
Ci chiediamo, a questo punto, a cosa sia servita la figura del coordinatore del Piano del Parco (assegnata al dr. Giacomo Marzano per 10.000 euro – lo stesso che negli anni scorsi per una consulenza faunistico venatoria percepì dai neritini 25.000 euro e che, da presidente di una cooperativa, ne chiese 12.000 per una mostra di “uccelli impagliati”) se con ben sei consulenze già acquisite non si ė riusciti a redigere questo “benedetto” Piano.
Non ci resta che sperare nel pudore di qualche consigliere di maggioranza che con un moto di orgoglio per la Città riesca a bloccare le scellerate intenzioni del governo cittadino, anticipate dalla stampa, di sprecare ulteriori soldi pubblici.
Per quanto riguarda noi, informeremo di quanto sta succedendo la Regione, che ha messo a disposizione le risorse economiche per il Piano Parco, perché ne tragga le conseguenze.
Ai cittadini non resta che meditare su come si stanno spendendo i soldi in un periodo di crisi in cui chi ha bisogno, sempre più spesso, non trova risposte da parte dell’amministrazione comunale.

Noi x Nardò
Mino Natalizio – coordinatore
Paolo Maccagnano – consigliere comunale

Andare Oltre
Pippi Mellone – consigliere comunale

 

 

 

 

About redazione

Guarda anche

Un malore improvviso e poi il decesso. Succede ora a Santa Maria al bagno

Accusa un malore mentre è in spiaggia a fare il bagno e, nonostante le manovre …