giovedì , 24 Settembre 2020

Nasce il Risi bis: al peggio non c'è mai fine!

Nasce il Risi bis: una conferma al detto “Al peggio non c’è mai fine”… La montagna ha partorito il topolino, come preannunciava qualcuno. E i venti di crisi si fanno ormai impetuosi. In 4 sarebbero pronti a lasciare la maggioranza.

La data prescelta, quella dell’8 marzo, aveva fatto pensare ad una massiccia presenza “rosa” in Giunta dopo 30 mesi di assenza di donne in squadra. Al contrario delle aspettative, invece, una sola presenza femminile, quella di Francesca De Pace che pare scettica data “l’inadeguatezza” delle deleghe conferite: “Bilancio e Patrimonio”. Sonori grattacapi di questi tempi per un Comune dalle casse in affanno come il nostro e sottoposto al vaglio della Corte dei Conti dopo le denunce dei sottoscritti. Il malcontento sarebbe, poi, non solo della neo assessore ma soprattutto dei 4 consiglieri che l’avevano indicata.

Nasce il Risi bis: una conferma al detto “Al peggio non c’è mai fine”… La montagna ha partorito il topolino, come preannunciava qualcuno. E i venti di crisi si fanno ormai impetuosi. In 4 sarebbero pronti a lasciare la maggioranza.

La data prescelta, quella dell’8 marzo, aveva fatto pensare ad una massiccia presenza “rosa” in Giunta dopo 30 mesi di assenza di donne in squadra. Al contrario delle aspettative, invece, una sola presenza femminile, quella di Francesca De Pace che pare scettica data “l’inadeguatezza” delle deleghe conferite: “Bilancio e Patrimonio”. Sonori grattacapi di questi tempi per un Comune dalle casse in affanno come il nostro e sottoposto al vaglio della Corte dei Conti dopo le denunce dei sottoscritti. Il malcontento sarebbe, poi, non solo della neo assessore ma soprattutto dei 4 consiglieri che l’avevano indicata.

7 assessori, il massimo consentito dalla Legge, e un “centinaio” di consiglieri delegati, con deleghe che vanno dalla Sanità alla Giustizia, manco fossero Ministeri. Un modo come un altro per tenere buoni i riottosi, insomma. Gli stessi che 24 ore fa, magari, preannunciavano di non volere deleghe ed oggi erano presenti e pronti ad “elemosinare” una incarico da delegato. Ricordiamo, peraltro, a costoro e a tutti, che le deleghe sono per legge temporanee e legate al raggiungimento di uno specifico obiettivo. E invece tutti lì, pronti ad assistere al “sorteggio” con i bussolotti delle deleghe. Un attesa che manco al sorteggio per i gironi dei mondiali di calcio.

Balza agli occhi, inoltre, l’assenza della delega al Centro Storico, espunta e sottratta all’assessore Leuzzi ed eliminata financo dal novero dalle priorità di questa Amministrazione. Alcuni assessori sono stati ridotti a mera presenza con deleghe di cui neppure loro conoscono il contenuto, altri premiati con nuove deleghe nonostante finora abbiano fatto poco o nulla, altri ancora sono rimasti dov’erano nonostante i danni finora causati.

E in cima Lui, un uomo solo al comando, con una pletora di assessori e delegati che neanche il governo Monti con ministri e sottosegretari era riuscito a fare tanto. E poi una serie di deleghe rimaste al leader supremo, dalla Cultura alla Polizia Urbana. Roba da ridere, insomma, se in ballo non ci fosse il Futuro della nostra Città.

 

Pippi Mellone

Paolo Maccagnano

Oronzo Capoti

 

 

 

 

About redazione

Guarda anche

Un malore improvviso e poi il decesso. Succede ora a Santa Maria al bagno

Accusa un malore mentre è in spiaggia a fare il bagno e, nonostante le manovre …