giovedì , 1 Ottobre 2020

Proposta di riduzione dell’aliquota dell’imposta provinciale sulle assicurazioni auto

Alla  conferenza dei capigruppo e alla commissione bilancio ho chiesto la riduzione dell’aliquota RCA, che potrebbe rappresentare una boccata d’ossigeno per tantissimi automobilisti della provincia, molti dei quali, risulterebbero, da alcuni sondaggi non aver ritirato le polizze assicurative delle loro autovetture. La Provincia purtroppo con delibera di Giunta n. 142 del 23 giugno 2011, ratificata con delibera di Consiglio n. 42 del 29 giugno 2011, ritenne necessario per riportare in equilibrio il bilancio di previsione 2011 – 2013 a seguito degli squilibri derivanti dalla cancellazione dei residui attivi insussistenti, applicare un incremento pari al 3,5 %, all’imposta delle assicurazioni auto, passando dalla misura del 12,50 alla misura del 16.

Alla  conferenza dei capigruppo e alla commissione bilancio ho chiesto la riduzione dell’aliquota RCA, che potrebbe rappresentare una boccata d’ossigeno per tantissimi automobilisti della provincia, molti dei quali, risulterebbero, da alcuni sondaggi non aver ritirato le polizze assicurative delle loro autovetture. La Provincia purtroppo con delibera di Giunta n. 142 del 23 giugno 2011, ratificata con delibera di Consiglio n. 42 del 29 giugno 2011, ritenne necessario per riportare in equilibrio il bilancio di previsione 2011 – 2013 a seguito degli squilibri derivanti dalla cancellazione dei residui attivi insussistenti, applicare un incremento pari al 3,5 %, all’imposta delle assicurazioni auto, passando dalla misura del 12,50 alla misura del 16.  Tale incremento non ha più ragion di essere condiviso alla luce di quanto più volte l’assessore al Bilancio ha pubblicamente dichiarato e cioè il risanamento delle casse provinciali. Quindi, oltre che nelle opportune sedi e cioè conferenza dei capigruppo commissione e Consiglio, chiedo pubblicamente al Presidente della Provincia di impegnarsi per la riduzione dell’aliquota applicata fino ad oggi. Tra tre mesi le Province non esisteranno più e quindi spero che il Presidente, la Giunta e l’intero Consiglio vorranno congedarsi con un atto di attenzione alle difficoltà che sta vivendo ogni cittadino.

 

Il Consigliere Provinciale

Giovanni Siciliano     

 

 

 

About redazione

Guarda anche

Un malore improvviso e poi il decesso. Succede ora a Santa Maria al bagno

Accusa un malore mentre è in spiaggia a fare il bagno e, nonostante le manovre …