venerdì , 27 Novembre 2020

"Bilanci Falsi? Si!" con FOTO

Bilanci Falsi? Si. Questo almeno è quanto candidamente ha sostenuto la dirigente del settore economico del Comune davanti alla Corte dei Conti nel corso dell’udienza che si è tenuta il 30 luglio scorso a Bari. I consiglieri che li hanno approvati, a nostro giudizio, dovrebbero iniziare a preoccuparsi.
Altra questione, evidentemente sorprendente per la Corte, è stata la magia del patto di stabilità per l’anno 2011. Dopo il parere negativo del dirigente del settore economico finanziario, il Consiglio comunale a dicembre 2011 prende atto, con l’assestamento di bilancio, dello sforamento del patto di stabilità. Miracolosamente, nel mese di marzo 2012, il patto risulta invece rispettato. “Cosa è successo in questo periodo”, è la domanda che è sorta spontanea ai magistrati. Disarmante la risposta, naturalmente infiocchettata con improbabili scuse: non sono stati approvati i debiti fuori bilancio.
Bilanci Falsi? Si. Questo almeno è quanto candidamente ha sostenuto la dirigente del settore economico del Comune davanti alla Corte dei Conti nel corso dell’udienza che si è tenuta il 30 luglio scorso a Bari. I consiglieri che li hanno approvati, a nostro giudizio, dovrebbero iniziare a preoccuparsi.
Altra questione, evidentemente sorprendente per la Corte, è stata la magia del patto di stabilità per l’anno 2011. Dopo il parere negativo del dirigente del settore economico finanziario, il Consiglio comunale a dicembre 2011 prende atto, con l’assestamento di bilancio, dello sforamento del patto di stabilità. Miracolosamente, nel mese di marzo 2012, il patto risulta invece rispettato. “Cosa è successo in questo periodo”, è la domanda che è sorta spontanea ai magistrati. Disarmante la risposta, naturalmente infiocchettata con improbabili scuse: non sono stati approvati i debiti fuori bilancio.

Insomma, una giornata da dimenticare per Risi e i Suoi fidi scudieri quella dell’udienza davanti alla Corte dei Conti a cui abbiamo deciso di partecipare, considerandolo un obbligo per chi, come noi, da anni denuncia le macroscopiche anomalie dei conti comunali.
La figura di Risi e dei Suoi davanti alle domande pressanti della Corte è stata spesso simile a quella di studenti impreparati. Un’udienza durata oltre 90 minuti in cui ad avere la peggio è stata sicuramente la dirigente giunta a Nardò da Calimera per salvare la Città… I sorrisi tra i componenti della Corte non sono mancati per alcune risposte a dir poco fantasiose.
Numerose le lacune, le incongruenze e le mancanze ravvisate dai giudici. Su molte di esse Risi e i Suoi non sono riusciti a dare adeguate spiegazioni neanche dopo il corposo scambio epistolare di questi mesi.
 
Anche stavolta lo sport più ricorrente è stato lo “scarica barile”. Il sindaco ha nell’ordine attribuito le responsabilità alle vecchie amministrazioni (peccato abbia fatto per 3 anni il consigliere comunale e per 5 il vice sindaco), al collegio dei revisori, al commissario straordinario D’Onofrio e perfino ai suoi consiglieri che hanno impiegato troppo tempo ad analizzare i debiti fuori bilancio. 
 
La Dirigente ha fatto, se possibile, di meglio. È arrivata tardi in aula ingenerando nei presenti il sospetto che fosse nuovamente in ferie dopo aver disertato la seduta del consiglio comunale per l’approvazione del conto consuntivo lo scorso 7 luglio. A quel punto è iniziato lo show per scaricare le responsabilità sul vecchio dirigente del settore, facendo però confusione tra esercizi finanziari e addirittura non “ricordando” carte che lei stessa aveva inviato alla Corte.
 
Presto verranno comunicate al Comune le deliberazioni della Corte. L’impressione è che stavolta chi ha fatto danni ai conti del nostro Comune, direttamente o per mancata vigilanza, spendendo e spandendo allegramente i soldi dei cittadini, non la passerà liscia… 
 
Pippi Mellone
Consigliere comunale
Comunità Militante
Andare Oltre
 
Oronzo Capoti
Consigliere comunale
Nuovocorso per Nardò

About redazione

Guarda anche

Gravissimo incidente domestico

Un gravissimo incidente domestico si è verificato in questi minuti a Nardò, in via San …