lunedì , 30 Novembre 2020

Non salta nessun "piano" dell'Assessore Maglio

La decisione di ritirare il bando per l’allestimento e la gestione della Masseria Torre Nova, non fa saltare i Piani dell’assessore Maglio, ma, il Consiglio Comunale, fa saltare gli INDIRIZZI che il Sindaco e tutta la sua Giunta aveva dato, con ben due Delibere, alla Dirigenza del Settore Ambiente, bocciando due anni di lavoro da parte dell’Ufficio e screditando le stesse direttive del Sindaco che, dopo dieci giorni di studio della proposta di deliberazione di C.C., aveva dato il via libera affinchè si andasse in commissione ed in Consiglio.

La decisione di ritirare il bando per l’allestimento e la gestione della Masseria Torre Nova, non fa saltare i Piani dell’assessore Maglio, ma, il Consiglio Comunale, fa saltare gli INDIRIZZI che il Sindaco e tutta la sua Giunta aveva dato, con ben due Delibere, alla Dirigenza del Settore Ambiente, bocciando due anni di lavoro da parte dell’Ufficio e screditando le stesse direttive del Sindaco che, dopo dieci giorni di studio della proposta di deliberazione di C.C., aveva dato il via libera affinchè si andasse in commissione ed in Consiglio.
L’assessore Flavio Maglio, non ha alcun interesse personale da tutelare, ha solo portato avanti le scelte fatte dall’Amministrazione di cui fa parte.
Il Consiglio Comunale ha deciso diversamente rispetto tali scelte ed ha ritenuto di dover bocciare la proposta dell’Amministrazione.
Rispetto al “balzello” dei 3 euro, il bando prevedeva il LIBERO ACCESSO a tutto il Parco di Porto Selvaggio, il ticket era previsto solo a coloro che volessero visitare gli spazi espositivi della Masseria o che chiedessero visite guidate all’interno del Parco.
D’altronde, in tutte le strutture al mondo, predisposte per le visite, si paga un ticket per entrare (chiese, musei, ambienti di particolare valore storico o architettonico).
Noi dell’UDC, pensiamo e rimaniamo convinti, che il lavoro fatto dall’Ufficio Ambiente, dagli Assessori e dal Sindaco, andava nella direzione giusta e guardava agli interessi collettivi e non a quelli particolari.
Saranno i Consiglieri che hanno bocciato il bando ad assumersi le responsabilità degli inevitabili ritardi (in termini di attuazione del progetto, di fruizione degli spazi di allestimento e di possibilità occupazionali) che tale decisione ha determinato.
L’UDC, pertanto, rifugge qualsiasi tipo di polemica, essendo un partito serio e responsabile; per aver dato, in questi anni, prova di lealtà nei confronti dell’amministrazione di cui fa parte.
L’UDC è sempre disponibile a qualsiasi confronto, essendo le sue iniziative propositive mirate, esclusivamente, nell’interesse della collettività.

Il Segretario Cittadino UDC – Consigliere Comunale
Dott. Pierpaolo LOSAVIO

About redazione

Guarda anche

Gravissimo incidente domestico

Un gravissimo incidente domestico si è verificato in questi minuti a Nardò, in via San …