mercoledì , 25 Novembre 2020

Premio “Terre del Negroamaro” a Flavio Tosi

La segreteria provinciale di Sinistra Ecologia e Libertà, per bocca del responsabile degli Enti locali, Danilo Scorrano, condanna la scelta del sindaco di Guagnano e della sua amministrazione di centrodestra di conferire a Flavio Tosi, sindaco di Verona esponente della Lega Nord, il premio “Terre del Negroamaro”.

La segreteria provinciale di Sinistra Ecologia e Libertà, per bocca del responsabile degli Enti locali, Danilo Scorrano, condanna la scelta del sindaco di Guagnano e della sua amministrazione di centrodestra di conferire a Flavio Tosi, sindaco di Verona esponente della Lega Nord, il premio “Terre del Negroamaro”.

Il profilo politico del sindaco scaligero e la sua appartenenza politica ad un partito che si distingue per le sue posizioni  manifestamente xenofobe e razziste, mal si concilia con lo spirito della manifestazione che mira a valorizzare il nostro territorio, la nostra storia, la nostra cultura e gli artefici di processi virtuosi di crescita.

Tra questi, sicuramente i produttori vitivinicoli di Guagnano e del Salento, che nessuna riconoscenza devono al Sindaco di Verona per la loro partecipazione e per il successo riscontrato nella manifestazione nazionale Vinitaly, dovuta alla qualità dei prodotti presentati e alla professionalità raggiunta, cade quindi anche la debole motivazione addotta dal Sindaco Leone.

Gli artisti Paola Turci e Nabil Salameh che, peraltro,  avrebbe dovuto ricevere il premio “Terre d’Arneo” per il suo impegno per la pace in Palestina,  con il loro rifiuto di partecipare alla manifestazione di premiazione del 22 agosto, danno un segnale forte e chiaro di rigetto di qualsiasi politica tendente a forme di discriminazione, di cui la Lega Nord, attraverso i suoi esponenti, è spesso portatrice. Esprimiamo nei loro confronti, per questa scelta, sentimenti di condivisione e solidarietà.

Vicinanza anche ai consiglieri di opposizione del comune di Guagnano che contestano con forza l’operato del Sindaco per la scellerata scelta, che non mette certo in buona luce il proprio comune e gli incolpevoli cittadini di Guagnano.

In un momento storico in cui i valori della solidarietà, dell’accoglienza e della pace dovrebbero essere il filo conduttore di ogni azione politica, la scelta di premiare un esponente della Lega, risulta quanto mai sbagliata ed inopportuna.

 

Danilo Scorrano

Responsabile Enti Locali

SEL – Federazione di Lecce

 

 

 

 

About redazione

Guarda anche

Un malore improvviso e poi il decesso. Succede ora a Santa Maria al bagno

Accusa un malore mentre è in spiaggia a fare il bagno e, nonostante le manovre …