domenica , 29 Novembre 2020

L'Estate 2014 volge al temine

È passato ferragosto, l’Estate 2014 volge al temine. Mai, in precedenza, una stagione estiva così disorganizzata, lacunosa, omissiva. A dire tutto ciò sono le centinaia di turisti che, presso gli uffici competenti e per le strade di Nardò hanno manifestato, unanimemente, il loro stupore per la bellezza del nostro mare, della nostra costa, del nostro entroterra, ma anche lo sdegno per la totale mancanza di organizzazione nella gestione dei “servizi”.

È passato ferragosto, l’Estate 2014 volge al temine. Mai, in precedenza, una stagione estiva così disorganizzata, lacunosa, omissiva. A dire tutto ciò sono le centinaia di turisti che, presso gli uffici competenti e per le strade di Nardò hanno manifestato, unanimemente, il loro stupore per la bellezza del nostro mare, della nostra costa, del nostro entroterra, ma anche lo sdegno per la totale mancanza di organizzazione nella gestione dei “servizi”. Spiagge sporche, circolazione caotica, migliaia di multe come fulmini a ciel sereno su buona parte dei visitatori del Parco, commercianti abusivi in ogni dove, cittadini proprietari di abitazioni estive che si son visti negare le autorizzazioni per essere esentati dal pagamento del ticket per il parcheggio vicino casa. Insomma, per concludere, un disastro su tutti i fronti. Non c’è un settore della pubblica amministrazione locale che possa meritare la sufficienza. Tutto ciò, in un video messaggio che chiederò agli organi di stampa per fine settimana, sarà esposto ai cittadini con maggiore dovizia di particolari, che comproveranno l’urgenza e la necessità per il Sindaco di una seria, anzi serissima pausa di riflessione.

 

Città Nuova

 

Il Coordinatore

Giovanni Siciliano

 

 

 

 

About redazione

Guarda anche

Un malore improvviso e poi il decesso. Succede ora a Santa Maria al bagno

Accusa un malore mentre è in spiaggia a fare il bagno e, nonostante le manovre …