giovedì , 9 Luglio 2020

Quarta parete giovane è il teatro

Al Teatro Comunale di Nardò una nuova rassegna tutta dedicata alla nuova drammaturgia. Cinque  gli appuntamenti che, in  novembre e dicembre, porteranno sul palcoscenico neretino cinque compagnie  della scena contemporanea.

Al Teatro Comunale di Nardò una nuova rassegna tutta dedicata alla nuova drammaturgia. Cinque  gli appuntamenti che, in  novembre e dicembre, porteranno sul palcoscenico neretino cinque compagnie  della scena contemporanea.

Il primo appuntamento è, giovedì 6 novembre, con “La grande magia” di Eduardo De Filippo, portato in scena dalla compagnia Teatro le Nuvole giovedì 6 novembre, dove la genialità del grande drammaturgo ci fa fare i conti con la nostra incapacità di guardare in faccia la realtà preferendo al suo posto una consolatoria illusione. Venerdì 21 novembre torna lo spettacolo di Terrammare “L’uomo che inventò i Beatles”, la storia di Brian Epstein, l’uomo che, sconosciuto per i più, ha consegnato i Beatles alla fama mondiale di cui ancora oggi godono. I ragazzi di Liverpool avrebbero rappresentato per lui il treno da prendere al volo, l’occasione per dimostrare a suo padre e a se stesso le proprie capacità.

Sabato 29 novembre la compagnia Armamaxa con lo spettacolo “Croce e fisarmonica. Se passi da casa mia:fermati”, la storia di Don Tonino Bello. Don Tonino Bello ha esercitato il suo mandato associando a una fede profonda, una laicità che a molti, ancora oggi, sembrerebbe paradossale per un prete: tenendo insieme croce e fisarmonica. Questo lavoro tenta di esercitare una fede laica nell’uomo.

“Else. Andante cantabile con brio”, tratto daLa Signorina Else di Arthur Schnitzler, sarà portato in scena dalla compagnia La Bottega degli apocrifi venerdì 5 dicembre. Una storia sempre vera che racconta un allegro vivere e promette lieto fine; un mondo dove ci si cambia per cena come nei film e dove la cena si chiama dinner; un mondo su cui planare sofficemente con l’unica piccola accortezza di non andare troppo a fondo, o si rischia di svelarne l’essenza gommosa e flaccida.

A chiudere la rassegna, mercoledì 10 dicembre, il ritorno di un artista che negli ultimi anni colleziona importanti riconoscimenti e premi dagli addetti ai lavori e un grande successo e consenso da parte del pubblico, Mario Perrotta, con la sua compagnia Teatro dell’Argine, porta al Comunale di Nardò il suo “Un Bès – Antonio Ligabue”, l’uomo Antonio Ligabue, il Toni, lo scemo del paese; la coscienza che aveva di essere un rifiuto dell’umanità e, al contempo, un artista, perché questo doppio sentire gli lacerava l’anima: l’artista sapeva di meritarlo un bacio, ma il pazzo intanto lo elemosinava.

La rassegna rientra nelle attività di Teatri Abitati, le residenze teatrali della Regione Puglia che operano con grande successo da sei anni, e che, con il progetto “Azione di sistema”, hanno avviato un percorso di accompagnamento alla visione della drammaturgia contemporanea per i giovani che nei giorni scorsi hanno abitato con tutta la loro energia il teatro imparando a conoscere gli spettacoli che potranno visionare in questi due mesi.

 

Al  termine degli spettacoli sono previste delle sfiziose degustazioni in cui le compagnie di artisti incontreranno il pubblico grazie all’amichevole sostegno del Caffè Barocco e delle cantine Schola Sarmenti e Bonsegna

 

Biglietto ingresso:             euro 10,00 intero

                                               euro   8,00 ridotto

Abbonamento:                    euro 40,00 intero

                                               euro 32,00 ridotto

 

riduzioni per giovani sino ai 18 anni e per gruppi di almeno 10 persone.

Info e prenotazioni:          tel.: 0833.571871 –  348.6722242 – 0833.836240

 


Teatro Comunale di Nardò – C.so V.Emanuele II, 22

Informazioni  0833 836240  – Cell. 348 6722242

www.terrammareteatro.itterrammareteatro@tiscali.it

 

 

Ufficio stampa

Calliope Comunicare Cultura

Dina Risolo 349.2148990  327.3162432

donatarisolo@tin.it


Approfondimenti

 

  • Giovedì 6 novembre  ore 21,00

Compagnia  Teatro Le Nuvole

La grande magia

di  Eduardo De Filippo. Con Luca Iervolino, Antonella Romano, Rosario Sparno; adattamento e regia di Rosario Sparno – costumi di Alessandra Gaudioso

 

“Tutto quello che avviene davanti ai vostri occhi è solamente illusione”. In un grande albergo, durante un gioco di magia eseguito dal noto prestigiatore Otto Marvuglia, il signor Calogero Di Spelta, uomo materialista e accecato dalla gelosia, vede sparire sua moglie.

Il pubblico, che nello spettacolo interpreta il ruolo del pubblico dell’albergo che assiste al gioco di “prestidigitazione”, sa che in realtà la signora Di Spelta non è sparita ma che, stanca delle ossessioni del marito, è fuggita con il suo amante. Il dubbio, la paura e l’imbarazzo offuscano la mente dell’uomo che, con l’aiuto del professore-mago Marvuglia (Meraviglia/Imbroglio), si rassegna a credere che la moglie sia stata chiusa in una scatola magica capace di contenerla per sempre. Egli, pur di non vedere e accettare l’abbandono della moglie, acconsente di partecipare ad un “gioco di illusione” che durerà anni.

 

  • Venerdì 21 novembre  ore 21,00

Compagnia  TerramMare Teatro

L’uomo che inventò i Beatles

con Silvia Civilla (voce recitante), Raoul De Razza (chitarre), Davide Colomba (voce), Marco Tuma (fiati e percussioni) – regia di Silvia Civilla

 

Un uomo entra in un teatro: è un perfetto sconosciuto, uno spettatore qualsiasi; eppure cinquant’anni prima quell’uomo era un volto noto, e non solo lì dentro. Sul palco una band si sta esibendo; l’uomo non può fare a meno di ascoltarla e di ricordare quando su quel palco c’erano John, Paul, George e Ringo: i Beatles.

Brian Epstein, il ‘perfetto sconosciuto’, si abbandona ai ricordi ripercorrendo così le tappe fondamentali della propria vita e della vita dei quattro ragazzi: un incontro destinato a cambiare la storia di tutti.

Brian sarebbe presto diventato il loro manager, consegnando i Beatles alla fama mondiale di cui ancora oggi godono, e i “Ragazzi di Liverpool” avrebbero rappresentato per lui il treno da prendere al volo, l’occasione per dimostrare a suo padre e a se stesso le proprie capacità.

 

  • Sabato 29 novembre  ore 21,00 –

Compagnia Armamaxa Teatro

Croce e fisarmonica. Se passi da casa mia: fermati

dedicato a  don Tonino Bello – vincitore 3ª ed. “Teatri del Sacro”. Con Enrico Messina, Mirko Lodedo; regia di Carlo Bruni – musiche originali di Mirko Lodedo.

 

Banalizzando, si usa contrapporre alla felicità il dolore, ma se un uomo, morso violentemente da un cancro, decide, nel dicembre del ’92, di partire per Sarajevo per invocare il primato della pace, proprio sulla soglia tragica di una guerra, sta soffrendo o gioisce?

Antonio Bello è stato vescovo e presidente nazionale di Pax Christi. Nella sua casa natale, fra molti ricordi, c’è il disegno di una bambina che lo ritrae, in piedi, su di una fragile e variopinta barchetta a vela, braccia larghe e mani che tengono rispettivamente una croce ed una fisarmonica.

Don Tonino Bello ha esercitato il suo mandato coniugando uno straordinario rigore evangelico, con un anticonformismo capace di spiazzare i più arditi rivoluzionari; associando a una fede profonda, una laicità che a molti, ancora oggi, sembrerebbe paradossale per un prete: tenendo insieme croce e fisarmonica.

È difficile trovare qualcuno dalle nostre parti, con più di trent’anni, che non abbia da raccontare una testimonianza del proprio rapporto con questo pastore salentino. Ma il nostro lavoro non tenta una sintesi di quel ricchissimo patrimonio, vuole piuttosto ricavare l’impronta di un passaggio, perché, per quanto profonda, non rischi d’essere cancellata.

Questo lavoro tenta di esercitare una fede “laica” nell’uomo. Talvolta si attribuisce al mito un senso d’irrealtà mentre nella tradizione classica il mito rappresenta un punto elevato di sintesi. Ecco: il nostro è il racconto di un mito.

 

 

  • Venerdì 5 dicembre  ore21,00

Compagnia Bottega degli Apocrifi

Else. Andante cantabile con brio

Tratto daLa Signorina Else di Arthur Schnitzler; adattamento scenicoCosimo Severo, Stefania Marron
e; interpretato daViviana Strambelli e conGiovanni Di Lonardo, Fabio Trimigno; musiche originaliFabio Trimigno; regiaCosimo Severo.

 

 

Il nodo è un piccolo problema economico da risolvere, non c’è mica bisogno di farne una tragedia, di pensarci troppo, di sicuro non c’è bisogno di spargere la voce. Capita anche nelle migliori famiglie!

Il clima è disteso, c’è aria di vacanza. Else, una ragazza in villeggiatura con la zia, riceve una lettera della madre: la famiglia ha bisogno di un prestito urgente e sembra che lei sia l’unica al momento che può chiederlo ad un amico di famiglia …

Una storia sempre vera che racconta un allegro vivere e promette lieto fine; un mondo dove ci si cambia per cena come nei film e dove la cena si chiama dinner; un mondo su cui planare sofficemente con l’unica piccola accortezza di non andare troppo a fondo, o si rischia di svelarne l’essenza gommosa e flaccida.

È un popolo intero quello che si rende visibile nelle parole e nelle immagini che si compongono dentro e fuori Else, un popolo di figurine in canottiera e colli di pelliccia, a cui in modo leggero e crudele tutti apparteniamo un po’.

 

  • Mercoledì 10 dicembre ore  21,00

Compagnia Teatro dell’Argine

Un bès – Antonio Ligabue

di  Mario Perrotta. Collaborazione alla regia Paola Roscioli – collaborazione alla ricerca Riccardo Paterlini

 

“Un bès… Dam un bès, uno solo! Che un giorno diventerà tutto splendido. Per me e per voi”.

Provo a chiudere gli occhi e immagino: io, così come sono, con i miei 40 passati, con la mia vita – quella che so di avere vissuto – ma senza un bacio, neanche uno. Mai. Senza che le mie labbra ne abbiano incontrate altre, anche solo sfiorate. Senza tutto il resto che è comunione di carne e di spirito, senza neanche una carezza. Mai.

E allora mi vedo – io, così come sono ­ scendere per strada a elemosinarlo quel bacio, da chiunque, purché accada. Ecco, questo m’interessa oggi di Antonio Ligabue: la sua solitudine, il suo stare al margine, anzi, oltre il margine – oltre il confine – là dove un bacio è un sogno, un’implorare senza risposte che dura da tutta una vita. Voglio avere a che fare con l’uomo Antonio Ligabue, con il Toni, lo scemo del paese. Mi attrae e mi spiazza la coscienza che aveva di essere un rifiuto dell’umanità e, al contempo, un artista, perché questo doppio sentire gli lacerava l’anima: l’artista sapeva di meritarlo un bacio, ma il pazzo intanto lo elemosinava. Voglio stare anch’io sul confine e guardare gli altri. E, sempre sul confine, chiedermi qual è dentro e qual è fuori.

 

 

 

About redazione

Guarda anche

Strali su Facebook, comizi e insulti a giornalisti e opposizione. Ma il sindaco non smentisce i contenuti dell’indagine della Questura di Lecce

Doveva parlare di parentopoli e ci siamo ritrovati in un comizio. È la triste sintesi …