mercoledì , 8 Luglio 2020

Nardò: CasaPound e Andare Oltre chiedono giustizia per Gregorio Durante

 

Mellone e Giuri: “da Trani non giunga una sentenza simile al caso Cucchi”

Nardò, 13 novembre – “Verità e Giustizia per Gregorio Durante”, lo chiedono a gran voce, anche attraverso uno striscione affisso su via Rubichi, CasaPound Italia e Andare Oltre. Alla vigilia del processo che si svolgerà a Trani, nel quale sono imputati cinque dei presunti responsabili della morte in carcere del giovane neretino, avvenuta il 31 dicembre del 2011, le due associazioni intervengono pubblicamente nell’auspicio “di non doversi trovare di fronte a un nuovo caso Cucchi”, come scrivono nella nota congiunta diramata nella mattinata.

“Gregorio era malato, soffriva di crisi epilettiche e necessitava dell’assunzione giornaliera di due farmaci” – spiega Pippi Mellone, consigliere comunale di Andare Oltre, il quale ha seguito il caso fin dalle prime battute coinvolgendo anche gli onorevoli del Partito Radicale, Rita Bernardini e Sergio D’Elia. “Uno dei farmaci prescritti a Gregorio non era disponibile nel carcere di Trani e, a quanto è dato sapere, l’amministrazione non si sarebbe mai adoperata per procurarlo” continua Pierpaolo Giuri, referente locale di Cpi. “Dopo diverse crisi e un ricovero la situazione è precipitata: Gregorio Durante, accusato di simulare i malori, non venne curato adeguatamente ed anzi fu messo in regime di isolamento dove, la notte di capodanno del 2011, morì in circostanze ancora da chiarire”.

CasaPound Italia e Andare Oltre, da sempre vicine alla famiglia Durante, chiedono che la sentenza “renda giustizia a Gregorio e a tutti i detenuti deceduti in circostanze poco chiare. Vorremmo – conclude la nota – che dal tribunale di Trani giungesse una sentenza che possa restituire dignità al concetto di ‘Giustizia’. La ‘morte’ di un cittadino affidato allo Stato non rientra tra le ipotesi possibili, e lo stesso Stato è ora chiamato ad individuare le precise responsabilità di chi non ha agito come avrebbe dovuto. Non possiamo e non vogliamo assistere, come nel caso Cucchi, ad una morte senza colpevoli”. 


 

 

 

About redazione

Guarda anche

Un malore improvviso e poi il decesso. Succede ora a Santa Maria al bagno

Accusa un malore mentre è in spiaggia a fare il bagno e, nonostante le manovre …