venerdì , 22 Gennaio 2021

Losavio sul Piano Comunale delle Coste

Riteniamo eccessivo l’entusiasmo che qualcuno ha manifestato all’indomani dell’approvazione da parte della Giunta Municipale del Piano Comunale delle Coste; non fosse altro perché crea infondate aspettative in chi è interessato ad investire nella costruzione di stabilimenti balneari sapendo che le stesse non possono essere a breve soddisfatte.

Riteniamo eccessivo l’entusiasmo che qualcuno ha manifestato all’indomani dell’approvazione da parte della Giunta Municipale del Piano Comunale delle Coste; non fosse altro perché crea infondate aspettative in chi è interessato ad investire nella costruzione di stabilimenti balneari sapendo che le stesse non possono essere a breve soddisfatte.

Ancorché la Giunta abbia adottato il piano coste, per amore di verità, è opportuno precisare che l’iter è solo all’inizio, in quanto, l’adozione definitiva del PCC dovrà essere prima portato in Consiglio Comunale per la discussione, trasmesso poi in Regione e, successivamente, avuto il nulla-osta dalla stessa deve tornare in Consiglio come atto finale.

Ad oggi cosa dobbiamo festeggiare? L’adozione di un provvedimento, anche se opportuno, che, per le motivazioni esposte non ha effetto immediato per gli operatori turistici?

Vale la pena precisare che l’UDC non disconosce il lavoro svolto dal suo assessore Maglio, effettuato grazie agli studi effettuati dai tecnici incaricati, realizzato nel pieno rispetto degli indirizzi regionali per ciò che riguarda la tutela ed il rispetto del paesaggio.

La Giunta, approvando l’attuale piano, ha letteralmente stravolto il primo indirizzo e come da dichiarazioni rese ha voluto operare una “cura dimagrante” che, a suo dire, sarebbe stata ” un’ecatombe” sia per il paesaggio che per l’economia.

La ratio di questa scelta, per quanto ci riguarda, solleva molti dubbi e perplessità se é vero che solo pochissimi stabilimenti sono stati eliminati, a vantaggio di altri, senza averne spiegato le reali motivazioni.

Salvaguardare l’ambiente ed al tempo stesso creare le condizioni per incentivare lo sviluppo turistico sono stati e continuano ad essere i nostri obiettivi.

Forse gli indirizzi dati dall’allora Assessore Maglio ai tecnici, peraltro sempre condivisi dalla Giunta e dalla Maggioranza, non hanno tenuto conto degli obiettivi tanto sbandierati nella stesura ultima del PCC approvato?

Quale è la differenza? L’eliminazione di pochissimi stabilimenti e la traslazione di altri? 

L’UDC che, in modo responsabile e coerente, è parte integrante di questa maggioranza si sta ponendo questi interrogativi perché ritiene che una corretta informazione nei confronti dei cittadini sia fondamentale ed essenziale.

 

Quanto prima verrà chiesto un incontro col Sindaco e la stessa Giunta per avviare un confronto serio e costruttivo al fine di diradare ogni dubbio e perplessità.

 

Dott. Pierpaolo Losavio

Consigliere Comunale

Segretario Cittadino UDC

About redazione

Guarda anche

IL CONSIGLIO HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO

Lupo: “Bilancio assolutamente in salute, ha retto l’urto di un anno complicatissimo” Il Consiglio comunale, …