sabato , 26 Settembre 2020

GIOVANI..SMUOVIAMO LE COSCIENZE!!!

Spiace notare come eventi degni di nota spesso restino privi di opportuna considerazione, ancor più quando é la nostra Nardò a promuoverli. Venerdi 13.03.2015, presso il Teatro Comunale di Nardò, ho avuto il piacere di assistere ad un evento organizzato dall’Associazione Libera di Nardò, dal titolo “Pensieri e parole contro la corruzione”.

Spiace notare come eventi degni di nota spesso restino privi di opportuna considerazione, ancor più quando é la nostra Nardò a promuoverli. Venerdi 13.03.2015, presso il Teatro Comunale di Nardò, ho avuto il piacere di assistere ad un evento organizzato dall’Associazione Libera di Nardò, dal titolo “Pensieri e parole contro la corruzione”. Uno spettacolo che ha avuto ad oggetto la corruzione e la criminalitá organizzata, considerati prima in una prospettiva generale e poi analitica e settoriale, relazionata al nostro territorio salentino. Si sono susseguiti momenti davvero toccanti ed altamente educativi, impreziositi dalla nutrita collaborazione dei giovani studenti provenienti dagli Istituti Scolastici Neretini. Questi ultimi, accompagnati dai rispettivi docenti, hanno recitato e rivisitato celebri citazioni dei maestri Falcone, Borsellino, Calamandrei..e tra i vari appunti che conservo preziosamente, vi é una riflessione, nata da alcune parole del maestro Falcone, che mi ha particolarmente scosso, perché volta a farci considerare la corruzione come un reato oramai depenalizzato nelle nostre coscienze! 

A seguito dei vari contributi da parte dei giovani studenti, la serata si è conclusa con l’intervento della dott.ssa Antonia Martalò, Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Lecce. Un intervento per certi versi tecnico, espressione della ammirabile esperienza professionale, ma per altri anche pratico e diretto alla platea, perché comunicato nella prospettiva di un Magistrato capace comunque di calarsi nei panni di una”semplice e comune” donna informata sui fatti.

Questa mia voglia di scrivere, mira a premiare la lodevole iniziativa promossa dall’Associazione Libera, ma al contempo, vuol essere una denuncia, perché al di lá dei ringraziamenti e della personale stima verso chi ha realizzato l’evento, é significativo notare come tali manifestazioni o semplicemente spunti di riflessione, nascano da associazioni “terze” o comunque non collocabili tra le fila di chi, il nostro paese, lo amministra!

L’auspicio é che nel futuro prossimo, siano i giovani, magari amministratori, ad alimentare e promuovere in prima persona questi eventi..questa voglia e questa forza di denunciare simili fenomeni, tanto radicati e dilaganti, quanto importanti e di possibile sconfitta. Del resto la piú grande sconfitta, sarebbe l’idifferenza verso questi temi. Come il maestro Falcone diceva, infatti, la cosa più difficile da combattere é questa contiguitá. 

E dunque, che siano soprattutto i giovani ad alimentare questa lotta..che siano soprattutto i giovani a smuovere queste coscienze!!!

 

 

Andrea Giuranna

About redazione

Guarda anche

La gioventù non bruciata. Proviamo a capirne di più

Nuovo appuntamento con la rassegna letteraria “A Franco sarebbe piaciuto”. Domani 3 agosto ore 20.00, …