venerdì , 25 Settembre 2020

Incontro tra studenti dell' ITCG Vanoni e i volontari di Solidaritè Identités sulla questione siriana

Si è svolto ieri mattina presso l’ I.t.c.g. “ E. Vanoni”, l’incontro organizzato dagli studenti di alcune classi dell’istituto con i volontari dell’associazione di volontariato Solidaritè Identitès Onlus, per parlare della missione umanitaria in Siria e per chiarire alcuni aspetti relativi alla guerra che insiste nel territorio della Repubblica araba, sistematicamente sottaciuti dai media, come per esempio la distruzione di uno dei patrimoni archeologici più importanti esistenti.

Si è svolto ieri mattina presso l’ I.t.c.g. “ E. Vanoni”, l’incontro organizzato dagli studenti di alcune classi dell’istituto con i volontari dell’associazione di volontariato Solidaritè Identitès Onlus, per parlare della missione umanitaria in Siria e per chiarire alcuni aspetti relativi alla guerra che insiste nel territorio della Repubblica araba, sistematicamente sottaciuti dai media, come per esempio la distruzione di uno dei patrimoni archeologici più importanti esistenti.

“Abbiamo accettato con entusiasmo l’invito degli studenti a raccontare la nostra missione umanitaria in Siria. Dopo una raccolta fondi iniziata nel gennaio dello scorso anno, siamo riusciti a portare nel paese arabo due ambulanze, due defibrillatori ed altro materiale medico ed ospedaliero.

L’incontro ha permesso inoltre di fare luce sulle dinamiche della guerra che si combatte in territorio siriano, spesso manipolate dai mass media, tra il governo legittimo del presidente Al – Assad e i terroristi dello Stato Islamico, meglio conosciuto come Isis” è quanto dichiara Guido Bruno, responsabile regionale di Sol.Id., che ha recentemente preso parte alla ‘Missione Solidale – Siria 2014’.

“Abbiamo deciso di impiegare produttivamente le ore di discussione che ci sono concesse dall’assemblea di classe – dichiara Michele Parisi rappresentante della classe 4°A – per parlare di una guerra di cui si conosce poco ma di grande attualità. Noi studenti non possiamo dimostrarci disinteressati ed impreparati verso argomenti come il terrorismo oramai alle porte dell’Italia. Ringraziamo per la disponibilità i ragazzi di So.Id. fiduciosi che ci saranno ulteriori occasioni d’incontro”.

 

About redazione

Guarda anche

ISPETTORI AMBIENTALI, UN ANNO DI ATTIVITÀ

200 SERVIZI EFFETTUATI, TANTA SENSIBILIZZAZIONE E 15 MILA EURO DI SANZIONIAmbiente e rifiuti, ecco il …