sabato , 26 Settembre 2020

Emergenza Xylella: l'opposizione chiede l'azzeramento dell'Imu sui terreni agricoli

Emergenza Xylella.  L’opposizione neretina al completo, su proposta di Pippi Mellone, chiede l’azzeramento dell’aliquota Imu sui terreni agricoli insistenti sul territorio comunale. Fino ad oggi, a Nardó, grazie a Risi e i Suoi, anche sui terreni agricoli si paga, infatti, il massimo consentito dalla Legge. Piccoli segnali per un settore che era già al collasso.

Emergenza Xylella.  L’opposizione neretina al completo, su proposta di Pippi Mellone, chiede l’azzeramento dell’aliquota Imu sui terreni agricoli insistenti sul territorio comunale. Fino ad oggi, a Nardó, grazie a Risi e i Suoi, anche sui terreni agricoli si paga, infatti, il massimo consentito dalla Legge. Piccoli segnali per un settore che era già al collasso.

I consiglieri comunali di minoranza hanno presentato, ex art. 19 dello Statuto comunale formale mozione tendente a modificare la Delibera di Consiglio comunale nella parte in cui si prevedeva aliquota Imu del 10,60% sui terreni agricoli, al massimo consentito dalla Legge.

In virtù delle ben note difficoltà che attraversa da anni il settore, e alla luce dal tremendo batterio della Xylella che sta devastando e desertificando vaste aree del nostro territorio, portando all’abbattimento di ettari di coltura olivicola, crediamo indispensabile l’azzeramento dell’aliquota comunale Imu relativa ai terreni agricoli nella parte di competenza comunale.

“Crediamo che la misura suddetta sia un piccolo segnale che il nostro Ente deve lanciare al mondo agricolo e agli imprenditori del settore, i quali, giusto per fare qualche conto approssimativo, già sono costretti a fronteggiare problematiche di carattere generale relative alla produttività e alla possibilità di fare impresa in questo settore e a mettere nei propri magri bilanci i mancati guadagni che la Xyella ha determinato e le spese per i trattamenti secondo le linee imposte dall’Ue e dalla Regione Puglia.

Dal punto di vista tecnico la proposta suddetta si inserisce perfettamente nella contabilità dell’Ente non essendo stato ancora approvato il bilancio di previsione che come noto dovrà essere portato all’attenzione del Consiglio entro e non oltre il 31 maggio prossimo ed essendo questa misura già al vaglio dell’Amministrazione comunale che guida il Comune capoluogo, Lecce.

Tale mozione si inserisce nel solco delle varie proposte presentate in materia alla Camera dei Deputati dell’onorevole Roberto Marti, da sempre, come noto, molto attento alle problematiche del settore e ai problemi del Territorio. 

Pippi Mellone

Oronzo Capoti

Cesare Dell’Angelo Custode

Sandro Presta

Mirella Bianco

About redazione

Guarda anche

TASSA SPAZZATURA, NUOVA BATOSTA TARGATA MELLONE

Il sindaco conferma l’aumento della Tari introdotto un anno fa (14,5%). Nessun “occhio di riguardo” …