venerdì , 25 Settembre 2020

NOTTE DELLA TARANTA: NARDO’ RIENTRI NELL’ITINERARIO DELLE TAPPE

Caro Sindaco,

la storia, la cultura e le tradizioni della nostra città ci impongono di portare un contributo sempre più forte ed incisivo alle nuove generazioni. Ricordare e raccontare l’occupazione dell’Arneo, non può essere un tema da mettere in secondo ordine.

 

Caro Sindaco,

 

la storia, la cultura e le tradizioni della nostra città ci impongono di portare un contributo sempre più forte ed incisivo alle nuove generazioni. Ricordare e raccontare l’occupazione dell’Arneo, non può essere un tema da mettere in secondo ordine.

La forte vocazione agricola di questo territorio, che per anni ha visto centinaia di famiglie lavorare la terra, traendone dalla stessa ciò che oggi ci ha dato l’opportunità di essere conosciuti in tutto il mondo, come l’olio extravergine di oliva ed il vino rosso. Ma quando si parla di cultura, storia e tradizioni non ci si può fermare qui, perché non si può discutere di tutto ciò, senza mettere al centro della discussione stessa, la storia musicale e folkloristica di questa Città. Non si può eludere questo anche in virtù dell’oggetto di questa mia lettera. E quando si parla di storia musicale e folkloristica non si può non ricordare Gigi Stifani e la sua orchestrina, che rappresentano un patrimonio da custodire gelosamente, raccontandone i tratti principali e cercando di far rivivere quel pezzo di storia straordinaria per questa terra. Storia del tarantismo che proprio Ernesto de Martino, nel suo libro “La terra del rimorso”, ripercorre facendo più volte cenno a Nardò, ed in particolar modo alla “Maria di Nardò”, che era la tarantata presa in esame dalla sua équipe. Storia musicale e tradizioni che si intrecciano nel segno di un unico nome in grado di farle rivivere, facendo battere forte il cuore: Notte della Taranta! Ti scrivo per questo, caro Sindaco. Da circa un anno, con Sergio Blasi, stiamo portando avanti un discorso per far si che Nardò rientri nell’itinerario delle tappe della Notte della Taranta. I requisiti non ci mancano, di certo. Adesso è giunto il momento che l’amministrazione comunale faccia la sua parte. Sono a conoscenza della domanda che è stata presentata, in data 2 dicembre 2014, all’attenzione della fondazione della Notte della Taranta, da parte della S.V. e dell’Assessorato alla Cultura, per chiedere l’inserimento di Nardò nell’itinerario. Bene, ma non è sufficiente. Non si può attendere, come spesso accade, che altri ci diano risposte che potremmo avere con largo anticipo, attraverso un interessamento ed un impegno concreto. Impegno che io credo possa far si che la tappa di Nardò diventi realtà già a partire da questa edizione del festival, che quest’anno, oltretutto, vede come maestro concertatore Phil Manzanera. Lo stile rock del chitarrista dei Roxy Music che si interseca con quello della Taranta. Un intreccio che non può che creare grande spettacolo.

Non si può perdere altro tempo, e perciò ritengo che ci si debba incontrare quanto prima con Sergio Blasi, Sergio Torsello e Massimo Manera, che rappresentano i vertici della fondazione de La notte della Taranta. Un incontro che avrò piacere a promuovere e che servirà a confrontarci su ogni tipo di aspetto caratterizzante la tappa. Sono certo che lei, Sindaco, accoglierà con piacere questa mia lettera e fin da subito ci potremo mettere in moto per far nascere questo evento che interpreta storia, cultura, tradizioni ed emozioni che appartengono a pieno titolo alla nostra Comunità.

 

About redazione

Guarda anche

TASSA SPAZZATURA, NUOVA BATOSTA TARGATA MELLONE

Il sindaco conferma l’aumento della Tari introdotto un anno fa (14,5%). Nessun “occhio di riguardo” …