lunedì , 28 Settembre 2020

Risposta alle accuse dell’ex Sindaco Francesco Errico

Credo che il Sindaco o ex sindaco Francesco Errico, ancora non lo abbiamo capito…, sia scivolato sulla classica buccia di banana nell’attaccare la mia persona. Succede quando non si controllano i comunicati che si fanno scrivere ed inviare.

 

Credo che il Sindaco o ex sindaco Francesco Errico, ancora non lo abbiamo capito…, sia scivolato sulla classica buccia di banana nell’attaccare la mia persona. Succede quando non si controllano i comunicati che si fanno scrivere ed inviare.

 

Facciamo un po’ di ordine.

 

Innanzitutto Francesco Errico commette un errore gravissimo a mischiare i piani delle elezioni regionali con gli scarsi risultati della sua Amministrazione che hanno causato la rottura della maggioranza.

Non gli abbiamo mai chiesto nulla, non lo abbiamo mai disturbato, non gli abbiamo rivolto la parola per tre anni. Lo abbiamo lasciato fare rispettando il verdetto popolare. E lui, adesso che gli si sfilano i consiglieri, con chi se la prende? Se la prende con noi! Bisogna avere proprio una bella faccia tosta!

E che pretende Errico, che lo si lasci amministrare senza mai esprimere un’opinione? Da quando in qua è diventato il Podestà di Gallipoli?

È un trucco vecchio e strausato quello di affibbiare ad altri i propri fallimenti e i propri insuccessi; forse potrà compiacersi e giustificarsi guardandosi allo specchio, ma non lo aiuterà ad analizzare i problemi e a capire il perché in tanti lo stanno lasciando solo.

Eppure basterebbe guardare Gallipoli per comprendere il disastro gestionale che non può che essere imputato a lui, frutto certamente di inesperienza e scarso carisma.

La “Città Bella” con questo Governo è peggiorata in maniera mortificante e degradante; non credo che si possa cadere più in basso.   

Se volesse davvero bene alla città, Errico non penserebbe a nessun bis e a nessun ter, ma farebbe le valigie e lascerebbe entrare un po’ di aria fresca in quelle stanze che da tre anni respirano solo l’odore stantio della spartizione secondo il motto: “stavolta prendo io, che la prossima prendi tu, che poi ancora tocca a me”.

Prendiamo atto che non c’è più una maggioranza a Palazzo Balsamo ed è su questo che l’ex Sindaco deve rispondere, senza fare analisi sulle scorse europee o sulle prossime regionali.

Errico ha il dovere di fare chiarezza, in quanto ex Primo Cittadino e io avrò il dovere di rispondergli in quanto ex Consigliere Comunale di Gallipoli, ex Sindaco, ex Consigliere Regionale, ex Deputato al Parlamento, ex Senatore della Repubblica ex  number one di tutto. Avrò il dovere, altresì, di preparare i festeggiamenti per la fine di questo lungo periodo di oscurantismo.

Avrò il dovere di darmi da fare per organizzare la rinascita gallipolina. Avrò il dovere di fare suonare per le strade della città il rinomato concerto bandistico “Città di Leporano” come si addice nei giorni di festa, quando si volta pagina con il passato e si comincia a scrivere il futuro.

 

Sen. Vincenzo BARBA

About redazione

Guarda anche

TASSA SPAZZATURA, NUOVA BATOSTA TARGATA MELLONE

Il sindaco conferma l’aumento della Tari introdotto un anno fa (14,5%). Nessun “occhio di riguardo” …