martedì , 29 Settembre 2020

Tutti a parlare di disabili ma in strada con Loro c'eravamo solo Noi

Si parla tanto in questo periodo dei tanti cantieri elettorali tempestivamente inaugurati in città. Che manchino 12 mesi al voto e che per 4 anni Risi e i Suoi abbiano dormito pesantemente è indiscutibile.

Si parla tanto in questo periodo dei tanti cantieri elettorali tempestivamente inaugurati in città. Che manchino 12 mesi al voto e che per 4 anni Risi e i Suoi abbiano dormito pesantemente è indiscutibile.

Così è avvenuto anche per ciò che attiene i marciapiedi e le barriere architettoniche. Questo strano fenomeno che  attanaglia Nardò in questo periodo  con una selvaggia opera di demolizione dei marciapiedi per aprire varchi per l’accesso ai disabili è, a dir poco, una presa in giro. Quello di cui hanno bisogno i diversamente abili è a nostro avviso ben altro. Hanno bisogno che qualcuno si prenda carico delle loro difficoltà e che cerchi di risolverle per davvero.

 

Una neonata Onlus, “Non voglio mica la Luna” ha organizzato per il  1 maggio scorso, una passeggiata in carrozzina per far conoscere a tutti, amministratori compresi, i reali problemi dei disabili che non si limitano sicuramente ad uno scivolo su via Grassi. Nessun amministratore comunale, a parte il nostro Pippi Mellone, era purtroppo presente quel 1 maggio. Sintomo anche questo di una scarsa attenzione al tema da parte delle Istituzioni…

 

Con l’imminente arrivo della stagione estiva si tornerà a parlare della mancanza, ormai un must stagionale, di un numero adeguato di passerelle per permettere l’accesso a chiunque al mare. Porto Selvaggio rimarrà, anche quest’anno, off-limits a tutte quelle persone che nn possono permettersi di scendere 200 rovinosi scalini. E pensare che basterebbe davvero poco per rendere fruibile a tutti, veramente a tutti, una spiaggetta tra le più belle d’Italia, senza scomodare cavalli e carrozze come venne promesso qualche anno fà da qualche assessore in un incontro del tavolo permanente sull’ handicap.

 

Non basta insomma un marciapiede per risolvere i problemi di tanta gente. Per capire i problemi dei portatori di handicap servirebbe anche partecipare alle manifestazioni organizzate da associazioni “di categoria”. Quello fatto fino ad ora è, a nostro avviso, poco o nulla e rappresenta un misero punto di partenza.

 

Luigi Maritati

Comunità Militante

Andare Oltre

About redazione

Guarda anche

TASSA SPAZZATURA, NUOVA BATOSTA TARGATA MELLONE

Il sindaco conferma l’aumento della Tari introdotto un anno fa (14,5%). Nessun “occhio di riguardo” …