giovedì , 1 Ottobre 2020

Elezioni comunali Nardò 2016: Italia Unica pronta a governare la Città di Nardò

Il conto alla rovescia è iniziato. Alcune forze di centrodestra e centrosinistra già da prima dell’estate hanno intrapreso il percorso delle prossime amministrative anche se con l’ identico, sbagliato approccio del 2011. Niente programmi, niente progetti ma solo un affannoso sfogliare album di figurine sperando di trovare quella che vale doppio, illudendo i cittadini che basti un volto a gestire il bene comune.

Il conto alla rovescia è iniziato. Alcune forze di centrodestra e centrosinistra già da prima dell’estate hanno intrapreso il percorso delle prossime amministrative anche se con l’ identico, sbagliato approccio del 2011. Niente programmi, niente progetti ma solo un affannoso sfogliare album di figurine sperando di trovare quella che vale doppio, illudendo i cittadini che basti un volto a gestire il bene comune. Sembra essere partita la corsa al marketing elettorale, dove il populismo è il minimo, ma proprio il minimo, comune denominatore. Noi di Italia Unica riteniamo invece che le forze politiche debbanoprendere precisi impegni con i cittadini e per questo vogliamo innanzitutto incontrarli per assicurarci di interpretare bene i loro problemi, bisogni, desideri. Per amministrare meglio Nardò è necessario che le forze politiche sappiano coniugare competitività e solidarietà,risorse e territorio in un programma di sviluppo e crescita a lungo termine. Per farla crescere e dare una svolta al suo processo di sviluppo economico-sociale c’è bisogno però di un grande consenso popolare. Per realizzare ciò servono i partiti che, al contrario dei movimenti che incarnano la protesta,hanno le risorse umane e la capacità progettuali per costruire un lungimirante programma di governo. Oggi nessuno degli attuali partiti e movimenti locali ha la forza e la credibilità per restituire fiducia e speranza alla sua gente,alle sue imprese, ai suoi giovani. Italia Unica, partito di popolari,liberali e riformisti, che non teme il confronto con la realtà,ha l’ambizione di candidarsi a governare la Città in coalizione con altri partiti. Perchè i cittadini siano i veri artefici del programma che sottoporrà alle forze politiche con le quali avrà l’opportunità di confrontarsi organizzerà nei prossimi mesi una serie di incontri tematici e somministrerà ad un campione di popolazione scientificamente testato un questionario a risposta multipla/aperta per conoscere bisogni, emergenze, attese della popolazione,per raccogliere i suggerimenti del mondo delle imprese e dell’associazionismo,per stabilire le scelte urbanistiche strategiche di cui il territorio ha bisogno. Vogliamo partire da qui e non dalle vecchie logiche degli accordi sottobanco e della spartizione delle poltrone. Nardò è una Città con tante anime e sensibilità. Anche con interessi molto diversi e contrastanti. Un vero progetto di rilancio potrà realizzarsi solo costruendo un consenso traversale. Un fronte ampio che ragioni su programmi e progetti dove forze politiche anche alternative possano finalmente dare vita a una proposta coerente e seria. Noi non siamo per mettere insieme prima le sigle e poi chiedere il voto. Diciamo prima cosa vogliamo realizzare, quale programma per la città , quali progetti e quali iniziative e poi vedere chi ci sta. Nè vogliamo che il nostro progetto sia incasellato in un’area da campo da gioco. Chi pensa questo sbaglia o,peggio,finge di non capire. Capiamo quanto competenza e ed esperienza siano difficili da digerire per chi si nutre di proteste e di slogan. Fare rete di impegno e volontà,etica ed esperienza,competenza e condivisione tra forze politiche, anche diverse tra loro, è il modello che Italia Unica propone per Nardò. Questa non è forma ma è sostanza.

Alberto Calignano coordinatore cittadino Italia Unica

About redazione

Guarda anche

TASSA SPAZZATURA, NUOVA BATOSTA TARGATA MELLONE

Il sindaco conferma l’aumento della Tari introdotto un anno fa (14,5%). Nessun “occhio di riguardo” …