martedì , 20 Ottobre 2020

Mancano le rastrelliere: blitz di Andare Oltre

Andare Oltre torna a trattare l’argomento “Centro Storico” e lo fa attraverso un blitz, invadendo piazza Salandra di biciclette ed  incatenandole intorno alla guglia dell’Immacolata. 

Andare Oltre torna a trattare l’argomento “Centro Storico” e lo fa attraverso un blitz, invadendo piazza Salandra di biciclette ed  incatenandole intorno alla guglia dell’Immacolata. 

Come un normale gruppo di ciclisti, intorno alle ore 22:30, i ragazzi di AO con a capo Marcello Greco di Hab Cycle, hanno attraversato la piazza e, non trovando sufficienti attrezzature per il parcheggio delle due ruote, hanno pensato bene di “posteggiarle” in cerchio attorno alla colonna della piazza.

L’associazione politico-culturale, legata al consigliere comunale Pippi Mellone, non è nuova a tali iniziative provocatorie. Attraverso questo atto dimostrativo, pone l’attenzione su una delle innumerevoli lacune da cui è afflitto il centro storico e sulle quali, evidentemente, ancora tanto c’è da lavorare.

La mancanza di un numero sufficiente di rastrelliere – nelle zone nevralgiche del borgo antico – infatti, è solo la ciliegina sulla torta, composta da una serie di criticità, su cui  l’attuale amministrazione non sembra voglia concentrarsi, se non lanciando vuoti proclami dalle pagine dei giornali. Maria Grazia Sodero denuncia che: “Non di minore importanza è la carente sicurezza nelle vie del centro, spesso poco illuminate; ciò,  anche in conseguenza della mancanza di controlli ai varchi della zona monumentale, oramai autogestiti dai fruitori della strada, in quanto terminato il servizio estivo dei vigili urbani”. Ed ancora: bagni pubblici aperti ad intermittenza, sino ad arrivare all’esiguo numero di parcheggi auto intorno all’anello dello stesso centro storico. La conseguenza di queste ed altre problematiche è che, da vanto, per il successo di una stagione estiva che ha visto il pienone delle presenze nel nostro centro storico, si rischi, in breve tempo, di piombare nel degrado.

Siamo convinti – dice il presidente dell’associazione Gianluca Fedele – che l’atto della chiusura al traffico sarebbe dovuto avvenire a suggello della risoluzione di tutti quei problemi che affliggono abitanti e commercianti del luogo e non il contrario, come invece è accaduto. Dopo la chiusura del borgo antico chiediamo l’installazione di nuove rastrelliere a servizio del numero crescente di due ruote che attraversano il centro storico”.

About redazione

Guarda anche

TASSA SPAZZATURA, NUOVA BATOSTA TARGATA MELLONE

Il sindaco conferma l’aumento della Tari introdotto un anno fa (14,5%). Nessun “occhio di riguardo” …