martedì , 22 Settembre 2020

Tentato omicidio e maltrattamenti. Condannato un neritino. **CON FOTO**

Sette anni e quattro mesi di reclusione. E’ questa la condanna inflitta ad Alberto Antico, il quarantetreenne neritino, che diede fuoco alla compagna dopo averla cosparsa di alcool.
L’uomo venne arrestato la sera del 9 dicembre scorso dagli uomini del commissariato di pubblica sicurezza diretto dal vice questore Pantaleo Nicolì.

Sette anni e quattro mesi di reclusione. E’ questa la condanna inflitta ad Alberto Antico, il quarantetreenne neritino, che diede fuoco alla compagna dopo averla cosparsa di alcool.
L’uomo venne arrestato la sera del 9 dicembre scorso dagli uomini del commissariato di pubblica sicurezza diretto dal vice questore Pantaleo Nicolì.
Fu proprio l’uomo a richiedere l’intervento del 118 raccontando ai sanitari di un incidente domestico provocato dallo scoppio di un petardo. Versione che apparve immediatamente poco probabile agli agenti giunti sul posto assieme all’ambulanza. L’uomo, inoltre, riferì agli agenti una nuova versione e cioè che la donna si fosse ustionata nel tentativo di accendere il camino.
A svelare come realtente andarono le cose fu proprio il racconto della donna che riferì come stesse subendo da anni i soprusi e le violenze da parte dell’uomo e che, quella fatidica sera, fu proprio l’uomo a cospargerla con l’alcool per poi darle fuoco.
La condanna per tentato omicidio e maltrattamenti è giunta ieri al termine del giudizio con rito abbreviato. All’uomo è stata riconosciuta l’attenuante del cosiddetto recesso attivo, per aver cercato di spegnere le fiamme che avevano avvolto la compagna.

IMG_5097-4-2-3

 

About redazione

Guarda anche

Gravissimo incidente domestico

Un gravissimo incidente domestico si è verificato in questi minuti a Nardò, in via San …