lunedì , 28 Settembre 2020

Presto il nuovo Palazzetto!?!

“Entro pochi giorni assegneremo la gestione dello stadio comunale alla Nardò Calcio”. Queste le parole pronunciate da alcuni rappresentanti dell’amministrazione comunale. Peccato che da allora sia passato circa un anno ed ancora il Presidente Fanuli sia in attesa che qualcosa si muova.
Ora è il turno del nuovo palazzetto dello sport. E’ il Sindaco a lanciare sui social network quella che appare come una grande apertura nei confronti del progetto presentato dal Preisidente dell’Andrea Pasca Carlo Durante.

“Entro pochi giorni assegneremo la gestione dello stadio comunale alla Nardò Calcio”. Queste le parole pronunciate da alcuni rappresentanti dell’amministrazione comunale. Peccato che da allora sia passato circa un anno ed ancora il Presidente Fanuli sia in attesa che qualcosa si muova.
Ora è il turno del nuovo palazzetto dello sport. E’ il Sindaco a lanciare sui social network quella che appare come una grande apertura nei confronti del progetto presentato dal Preisidente dell’Andrea Pasca Carlo Durante.
Naturalmente c’è stato immediatamente chi si è affrettato ad asseganare le colpe del mancato “accordo” ad un ex amministratore della giunta Risi, nel tentativo di scaricare su di esso le colpe per la mancata realizzazione dell’opera. In pratica or che l’amico è divenuto nemico, scarichiamo la colpa su di lui e vediamo che succede. Come se non bastasse, poi, responsabilità precise deriverebbero anche dei “pettegolezzi” nati e cresciuti proprio sui social. Come se il destino di un Comune dipendesse da quello che si scrive su Facebook.
Ammettendo per assurdo che sia stata la volontà di un singolo rappresentante della giunta ad impedire che venisse preso in considerazione il progetto presentato da Durante, il primo cittadino avrebbe avuto tutte le carte in regola per esercitare il prorpio “potere” e “cotringere” gli uffici competenti, assieme all’assessore al ramo, a dare un’accelerata.
A pochi mesi dalla fine del mandato appare, invece, come un estremo tentativo di “recuperare” quanto non è stato fatto o è stato trascurato, evidentemente, perché le priorità erano altre.
Ad ogni buon conto l’apertura da parte del Sindaco, anche se lanciata in maniera quantomeno anomala attraverso un social network, c’è stata. L’augurio èi che non si tratti di mera pubblicità elettorale perché non è di questo che la città di Nardò ha bisogno.

About redazione

Guarda anche

Gravissimo incidente domestico

Un gravissimo incidente domestico si è verificato in questi minuti a Nardò, in via San …