venerdì , 10 Luglio 2020

Nardò. Due elogi e un encomio solenne al Corpo della Polizia Locale

Nel corso della celebrazione della festa di San Sebastiano, patrono della Polizia Locale, hanno ricevuto un elogio, tra gli altri, il Maresciallo Maggiore Gregorio Colazzo ed l’Agente Scelto Giovanni Cioni di Nardò con la seguente motivazione: “Nel periodo compreso tra novembre e dicembre 2015, in diverse zone del territorio comunale di Nardò si verificavano sinistri stradali a danno di autovetture in sosta.

Nel corso della celebrazione della festa di San Sebastiano, patrono della Polizia Locale, hanno ricevuto un elogio, tra gli altri, il Maresciallo Maggiore Gregorio Colazzo ed l’Agente Scelto Giovanni Cioni di Nardò con la seguente motivazione: “Nel periodo compreso tra novembre e dicembre 2015, in diverse zone del territorio comunale di Nardò si verificavano sinistri stradali a danno di autovetture in sosta. Tali fatti avvenivano, in genere, nelle prime ore del mattino ed i responsabili si davano alla fuga credendo di non aver lasciato tracce riconducibili agli autori. Nonostante le remote possibilità di risalire ai colpevoli, grazie all’attenta e scrupolosa attività d’indagine, il Maresciallo Colazzo e l’Agente Cioni, nell’arco di poco tempo, riuscivano a rintracciare i responsabili”.

Il sindaco Marcello Risi, durante la cerimonia, ha voluto conferire un encomio solenne al corpo della Polizia Locale di Nardò, per i 150 anni dalla sua fondazione, con la seguente motivazione: “Nel giorno di San Sebastiano, Santo Patrono delle Polizie Locali, in occasione dei 150 anni dall’istituzione della Polizia Locale di Nardò, il Sindaco a mente dell’art. 62 del Regolamento del Corpo di Polizia Municipale approvato con deliberazione di Giunta Comunale n.117 del 3 aprile 2009 conferisce encomio solenne al Corpo di Polizia Locale della Città di Nardò per la professionalità, l’impegno e la collaborazione sempre eccellentemente dispensati nei molteplici servizi d’istituto”.

About redazione

Guarda anche

Strali su Facebook, comizi e insulti a giornalisti e opposizione. Ma il sindaco non smentisce i contenuti dell’indagine della Questura di Lecce

Doveva parlare di parentopoli e ci siamo ritrovati in un comizio. È la triste sintesi …