giovedì , 3 Dicembre 2020

Blocco studentesco: l’ASL dispone la chiusura della sede Panareo dell’istituto "Presta – Columella "

E’ giunta ad una svolta la situazione di stallo in cui versava l’istituto “Presta-Columella”, i cui studenti, insieme ad alcuni ragazzi del Blocco studentesco, da giorni protestavano per le precarie condizioni. Ieri mattina, infatti, sono stati apposti i sigilli di chiusura della ASL al plesso Panareo, all’interno del quale è dunque sospesa ogni attività didattica.

E’ giunta ad una svolta la situazione di stallo in cui versava l’istituto “Presta-Columella”, i cui studenti, insieme ad alcuni ragazzi del Blocco studentesco, da giorni protestavano per le precarie condizioni. Ieri mattina, infatti, sono stati apposti i sigilli di chiusura della ASL al plesso Panareo, all’interno del quale è dunque sospesa ogni attività didattica.

“Non ci sorprende quanto avvenuto ieri mattina –si legge in una nota diffusa dal Blocco studentesco– il plesso Panareo è chiaramente inidoneo allo svolgimento di qualsiasi attività. La protesta degli ultimi giorni è solo l’ultima, in ordine cronologico, di una serie di battaglie messe in atto per portare all’attenzione delle autorità preposte, le condizioni in cui versa l’edificio. Muffa e infiltrazioni evidenti sulle pareti, pannelli di amianto danneggiati, un impianto di riscaldamento non funzionante: questi sono solo alcuni dei deficit strutturali che rendono il plesso inagibile.”

“La protesta dei giorni scorsi sotto il palazzo della Provincia e quelle davanti all’istituto sono il simbolo di una generazione che si ribella alle inconcludenti decisioni prese dai politicanti e lotta per riprendersi il diritto allo studio. Le riforme che si sono susseguite negli ultimi anni, quali la Delrio e la Buona scuola, non hanno fatto che innescare un circolo vizioso in cui scuola e Provincia si addossavano reciprocamente le responsabilità, senza mai assumersele. Quanto disposto oggi dall’azienda sanitaria locale – conclude la nota – non fa che confermare la fondatezza delle ragioni della nostra protesta. La nostra lotta continuerà, a difesa della sacralità dell’istituzione scolastica, che deve tornare ad essere un tempio di cultura e formazione.”

About redazione

Guarda anche

Gravissimo incidente domestico

Un gravissimo incidente domestico si è verificato in questi minuti a Nardò, in via San …