mercoledì , 30 Settembre 2020

Dopo il Tar anche la Prefettura stoppa gli imprenditori agricoli

La Prefettura di Lecce ha dichiarato “inammissibile” il ricorso gerarchico presentato da alcuni imprenditori del settore agricolo contro l’ordinanza del sindaco Pippi Mellone n. 269 del 14 luglio scorso che vieta il lavoro nei campi tra le ore 12 e le 16. La Prefettura di Lecce ha dichiarato “inammissibile” il ricorso gerarchico presentato da alcuni imprenditori del settore agricolo contro l’ordinanza del sindaco Pippi Mellone n. 269 del 14 luglio scorso che vieta il lavoro nei campi tra le ore 12 e le 16.Dopo il Tar, dunque, anche l’Ufficio Territoriale del Governo legittima, di fatto, la decisione del primo cittadino finalizzata a tutelare le condizioni igienico-sanitarie dei lavoratori nelle campagne e a scongiurarne lo sfruttamento.

About redazione

Guarda anche

TASSA SPAZZATURA, NUOVA BATOSTA TARGATA MELLONE

Il sindaco conferma l’aumento della Tari introdotto un anno fa (14,5%). Nessun “occhio di riguardo” …