mercoledì , 30 Settembre 2020

Ma che bel salto…della quaglia

Se qualcuno nutriva ancora dubbi circa la vicinanza di alcuni consigleiri di minoranza all’attuale sindaco Pippi Mellone, ecco giungere un provvedimento che fuga qualsiasi perplessità.
Pippi Mellone, infatti, a partire da oggi si avvarrà della collaborazione a fini di supporto e consulenza di otto consiglieri comunali su altrettante specifiche “materie” amministrative, con l’obiettivo di rendere più incisiva l’azione su questi fronti e valorizzare le competenze e l’impegno delle persone individuate. Lo Statuto comunale, infatti, al comma h dell’art. 34 (Poteri del Sindaco), stabilisce che il primo cittadino “ha potere di delega generale e particolare delle sue competenze e attribuzioni, avendo facoltà di affidare a uno o più consiglieri, incarichi per materia o gruppi di materia senza firma di delega”. Le collaborazioni saranno a titolo gratuito.
I nominati sono: Antonio De Mitri (riqualificazione e miglioramento della qualità urbana delle periferie), Antonio Tondo (politiche dello sport e dell’edilizia sportiva), Augusto Greco (politiche della sicurezza e protezione civile), Gianluca Fedele (randagismo e problematiche del cimitero comunale), Eleonora Colazzo (politiche comunitarie), Giuseppe Verardi (pesca e valorizzazione delle risorse del mare), Cesare Dell’Angelo Custode (spettacolo e valorizzazione e bilanciamento delle esigenze residenziali, turistiche e commerciali del centro storico) e Antonio Vaglio (gemellaggi e problematiche concernenti il servizio anagrafe della popolazione residente all’estero).
E sono proprio gli ultimi due nomi a scatenare le rimostranze di alcuni consiglieri di minoranza a questo punto sempre più striminzita.
Antonio Vaglio, infatti, è stato candidato sindaco con i COR, Fratelli d’Italia e Popolari mentre Dell’Angelo Custode è stato accusato di aver “tradito” Marcello Risi durante la fase di ballottaggio.
“Un’opportunità che ho voluto sfruttare per agevolare il lavoro dell’amministrazione comunale in ambiti particolari, -dichiara Pippi Mellone – che hanno esigenze specifiche e più urgenti, e per rinforzarne l’azione. I consiglieri comunali sono risorse importanti su cui contare in termini di esperienze personali, attitudini, capacità e presenza sul territorio. La nostra agenda amministrativa è fitta di impegni e di obiettivi, il loro supporto e la loro consulenza saranno molto importanti”.
Quella del così detto “salto della quaglia” è un’abitudine sempre più consolidata fra i politici ed ad essa non potevano certo sottrarsi, evidentemente, alxuni esponenti locali.
Roberto De Pace

About redazione

Guarda anche

TASSA SPAZZATURA, NUOVA BATOSTA TARGATA MELLONE

Il sindaco conferma l’aumento della Tari introdotto un anno fa (14,5%). Nessun “occhio di riguardo” …