giovedì , 3 Dicembre 2020

Un Convegno da non perdere oggi a Nardò con ospiti d'eccezione

10696343_721116597968891_4498433997893990300_nPer il mese dello sviluppo economico e comunitario il Rotary Club Nardò organizza ed invita la comunità ad un approfondimento e ad un confronto sul tema dell’intreccio tra etica, economia e corruzione.
Si terrà, infatti, oggi, con inizio dei lavori alle ore 18.00, presso il Teatro comunale di Nardò,  il convegno dal titolo. “Il triangolo opaco: etica, economia e corruzione
Di grande valore ed eccellenza i contributi ai lavori del convegno che vede tra i relatori Raffaele Cantone Presidente dell’Autorità nazionale Anticorruzione, Paolo Ielo, Procuratore aggiunto presso la Repubblica di Roma e Gianluca Di Feo vice direttore del quotidiano La Repubblica “.
Raffaele Cantone (Napoli, 24 novembre 1963) in magistratura dal  1991,  è stato sostituto procuratore presso il tribunale di Napoli fino al 1999, anno in cui è entrato nella Direzione distrettuale antimafia di cui ha fatto parte fino al 2007. Dal 27 marzo 2014  è  Presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione Paolo Ielo, uno dei pm di Mafia Capitale, noto per aver fatto parte del pool Mani pulite di Milano, con Di Pietro, Greco, Colombo, Davigo. Paolo Ielo è a Roma dal 2008 dopo essere stato appunto gip a Milano dove  era “il giovane” del pool Mani pulite. Indagò da pm, sempre a Milano, sui magistrati corrotti (processi Sme, Imi-Sir e Lodo Mondadori), ma la sua esperienza in tema di tangenti risale a ben prima, al processo sulla metropolitana milanese che inquisì Bettino Craxi.
Gianluca Di Feo è vicedirettore di ‘Repubblica’ dal febbraio 2016. Era stato già vice direttore dell’Espresso e responsabile della redazione di Milano. A ‘Repubblica’ coordina il gruppo di lavoro sulle inchieste proseguendo così il riordino della redazione dopo l’arrivo di Mario Calabresi.

About redazione

Guarda anche

ISPETTORI AMBIENTALI, UN ANNO DI ATTIVITÀ

200 SERVIZI EFFETTUATI, TANTA SENSIBILIZZAZIONE E 15 MILA EURO DI SANZIONIAmbiente e rifiuti, ecco il …